CHIPWAR. Nuova Delhi vuole diventare il pivot della produzione

110

L’India ha steso il tappeto rosso per i produttori di chip con 760 miliardi di rupie, pari a 10,2 miliardi di dollari, in incentivi mentre il primo Ministro Narendra Modi cerca di trasformare il paese in un hub di produzione high-tech. Il programma è stato approvato dal gabinetto di Modi il 15 dicembre e ha iniziato ad accettare i candidati il 1 gennaio, mentre l’India, come molti altri paesi, intensifica gli sforzi per sostenere le forniture interne del componente industriale critico.

Il nuovo pacchetto, riporta Nikkei, copre fino alla metà dei costi iniziali per la creazione di centri di produzione di chip nel paese, compresi quelli per i processi front-end che coinvolgono la fabbricazione di wafer. Il governo indiano coopererà con le autorità statali per costruire parchi industriali high-tech dotati di acqua pulita, energia abbondante e infrastrutture logistiche.

Inoltre, l’India fornirà assistenza per le strutture di chip back-end, che gestiscono l’assemblaggio e i test. Supporterà anche le startup di chip-design e alimenterà più talenti per costruire un’industria di semiconduttori completa nel paese.

Questo non è il primo tentativo dell’India di attrarre i migliori produttori di chip, ma pochi giocatori hanno espresso un forte interesse in passato. Un’opzione per il paese questa volta potrebbe essere quella di concentrarsi prima sui processi back-end, in modo da poter costruire un rapporto con i leader del settore prima di tuffarsi nei processi front-end tecnologicamente più sofisticati. «La risposta finora è stata molto buona», ha detto Ashwini Vaishnaw, ministro indiano dell’Elettronica e della tecnologia dell’informazione, a Bloomberg TV dopo l’annuncio del pacchetto. «Tutti i grandi attori significativi sono in trattative con partner indiani. Molti di loro vogliono direttamente venire a creare le loro unità qui».

Vaishnaw ha previsto che in due o tre anni, diversi impianti di semiconduttori inizieranno la produzione e un impianto di pannelli di visualizzazione sarà in fase di completamento.

Nonostante il brusio, esistono dubbi sul fatto che gli incentivi monetari da soli saranno sufficienti a sostenere l’offerta di chip dell’India. Gli unici mercati in Asia a stabilire un’industria interna di chip che include la produzione di front-end sono Giappone, Taiwan, Corea del Sud, Singapore, Malesia e Cina continentale.

L’India ha detto che assicurarsi la terra, l’acqua, l’elettricità e il talento necessari per far funzionare gli impianti di produzione di chip sarà una priorità nazionale. Ma i suoi tentativi passati di attrarre i principali produttori di chip stranieri sono spesso falliti a causa di uno di questi elementi, come l’opposizione dei residenti sull’uso del territorio, o i cambiamenti temporanei alle regole del lavoro dello stato.

Le relazioni sindacali possono essere una sfida in India. Hon Hai Precision Industry, conosciuta anche come Foxconn, e Wistron, entrambi assemblatori taiwanesi di iPhone, si sono impantanati in proteste operaie sulle condizioni di lavoro nel paese.

Maddalena Ingrao