CHIPWAR. Mosca cerca di resuscitare l’industria dei chip russi

76
Screenshot

Si prevede che l’industria russa dei microchip crescerà in modo significativo, sostenuta dal massiccio sostegno del governo. Poiché i microchip svolgono un ruolo importante negli sforzi bellici della Russia in Ucraina, l’attenzione è rivolta all’incremento della produzione di chip meno avanzati piuttosto che diventare un attore high-tech nel mercato della microelettronica. Attualmente la Russia ha la capacità di produrre solo chip da 90 nanometri e sta esplorando la produzione di massa di chip da 65 nm. Nel frattempo, gli Stati Uniti stanno guardando alla transizione verso i microchip da 2 nm, mentre la Cina sta cercando di scendere sotto i 10 nm.

Dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022, rafforzare le capacità di produzione russa di microchip è stato un compito importante per il governo di Mosca, poiché questi componenti sono vitali per tutti i tipi di guerra contemporanea, dai missili ai droni d’attacco.

Secondo un recente rapporto pubblicato da Kept, il mercato russo della microelettronica è destinato a crescere del 15,2% fino al 2030. Il principale motore della crescita dovrebbe essere il sostegno pubblico sotto forma di sussidi, prestiti e altri incentivi.

“Il Ministero dell’Industria e del Commercio stanzia ogni anno centinaia di miliardi di rubli per lo sviluppo della microelettronica”, si legge nel rapporto. “Il coinvolgimento di partner privati ​​consentirebbe di intensificare lo sviluppo del settore, ma una partecipazione più attiva del capitale privato richiede una comprensione più trasparente delle condizioni di rendimento di tali investimenti.”

L’attuale industria microelettronica russa è stata costruita praticamente da zero dall’inizio del 2010. L’industria microelettronica dell’era sovietica è crollata all’inizio degli anni ’90, incapace di competere con i produttori internazionali quando il paese si è aperto alle importazioni globali. Per quasi due decenni le importazioni hanno rappresentato praticamente tutto il fabbisogno di microchip del paese.

Attualmente, la Russia dispone di tre stabilimenti in grado di produrre microchip su larga scala. Si tratta degli stabilimenti Mikron, Angstrem e Milandr, tutti situati a Zelenograd, vicino Mosca. Tuttavia, fino all’invasione dell’Ucraina, la Russia importava ogni anno chip per un valore di circa 1 miliardo di dollari, principalmente da Cina, Taiwan e Malesia.

Nell’ottobre 2023, il ministero dell’Industria e del Commercio russo ha presentato una tabella di marcia, secondo la quale la Russia avrebbe lanciato la produzione di massa di microchip da 28 nm entro il 2028 e avrebbe avviato la produzione di microchip da 14 nm entro il 2030.

Tuttavia, a questo punto, la Russia ha bisogno principalmente di componenti microelettronici per sostenere la guerra in Ucraina, e a tale scopo sarebbero perfettamente adatti chip molto meno avanzati da 65 a 90 nm.

Tuttavia, al momento la Russia ha capacità solo per la produzione di massa di chip da 90 nm e sta valutando la possibilità di avviare la produzione di chip da 65 nm.

Il governo russo ha dichiarato di voler stanziare 100 miliardi di rubli per aumentare la capacità di microchip del paese. E anche se ciò potrebbe essere sufficiente per aumentare la produzione di chip di qualità inferiore necessari per le armi utilizzate in Ucraina, non rappresenterebbe una svolta tecnologica.

Nel frattempo, l’ostacolo principale all’avanzamento del segmento microelettronico russo sono le sue limitate capacità produttive.

Entro la fine dell’anno, la Russia prevede di mettere in linea la sua prima macchina fotolitografica per la produzione di chip in uno degli stabilimenti di Zelenograd. Il vice ministro dell’Industria e del Commercio Vasily Shpak ha affermato che il primo scanner litografico russo sarà in grado di produrre microchip utilizzando il processo a 350 nm, riporta Tass.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/