CHIPWAR. Mille miliardi di Yuan di aiuti all’industria dei chip cinesi

126

La Cina sta lavorando a un pacchetto di sostegno di oltre 1.000 miliardi di yuan per la sua industria dei semiconduttori, cercando l’autosufficienza nei chip e per contrastare le mosse degli Stati Uniti volte a rallentare i suoi progressi tecnologici.

Pechino ha in programma di distribuire quello che sarà uno dei suoi maggiori pacchetti di incentivi fiscali nell’arco di cinque anni, principalmente sotto forma di sussidi e crediti d’imposta per sostenere la produzione di semiconduttori e le attività di ricerca in patria, riporta Reuters. Si tratta di un approccio più diretto da parte della Cina nel plasmare il futuro di un’industria che è diventata un tema geopolitico globale a causa dell’impennata della domanda di chip e che Pechino considera una pietra miliare della sua potenza tecnologica.

Il piano potrebbe essere attuato già nel primo trimestre del prossimo anno. La maggior parte dell’assistenza finanziaria verrebbe utilizzata per sovvenzionare l’acquisto di attrezzature per semiconduttori da parte di aziende cinesi, soprattutto impianti di produzione di semiconduttori. Tali aziende avranno diritto a una sovvenzione del 20% sul costo degli acquisti.

Il piano di sostegno fiscale cinese arriva dopo che il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha approvato in ottobre un’ampia serie di regolamenti che potrebbero impedire ai laboratori di ricerca e ai centri dati commerciali l’accesso ai chip avanzati di intelligenza artificiale, oltre ad altre limitazioni. Gli Stati Uniti hanno inoltre esercitato pressioni su alcuni partner, tra cui il Giappone e i Paesi Bassi, affinché rafforzino le esportazioni verso la Cina di apparecchiature utilizzate per la produzione di semiconduttori.

Con il pacchetto di incentivi, Pechino intende aumentare il sostegno alle aziende cinesi produttrici di chip per la costruzione, l’espansione o l’ammodernamento di impianti nazionali per la produzione, l’assemblaggio, il confezionamento, la ricerca e lo sviluppo. Il piano di Pechino prevede anche politiche fiscali preferenziali per l’industria dei semiconduttori del Paese.

I beneficiari saranno sia le imprese statali che quelle private del settore, in particolare le grandi aziende di apparecchiature per semiconduttori come NAURA Technology Group, Advanced Micro-Fabrication Equipment Inc China e Kingsemi.

Le azioni di società cinesi che fabbricano chip hanno registrato un forte aumento dopo la notizia del pacchetto sul mercato di Hong Kong. Semiconductor Manufacturing International Corp, Smic, ha guadagnato più dell’8%, portando il suo guadagno giornaliero a quasi il 10%. Hua Hong Semiconductor Ltd ha chiuso in rialzo del 17%.

Il raggiungimento dell’autosufficienza tecnologica ha avuto un ruolo di primo piano nel rapporto del Presidente Xi Jinping al Congresso del Partito Comunista di ottobre. Il termine “tecnologia” è stato citato 40 volte, rispetto alle 17 del rapporto del congresso del 2017.

L’invito di Xi alla Cina a “vincere la battaglia” nelle tecnologie di base potrebbe segnalare una revisione dell’approccio di Pechino all’avanzamento dell’industria tecnologica, con maggiori spese e interventi statali per contrastare le pressioni statunitensi.

Le sanzioni statunitensi, pubblicate a ottobre, hanno indotto le principali aziende di produzione di chip con sede all’estero a cessare le forniture ai principali produttori di chip cinesi, tra cui Yangtze memory Technologies Co, Ymtc, e Smic, e i produttori di chip avanzati per l’intelligenza artificiale a cessare le forniture ad aziende e laboratori.

La seconda economia mondiale ha avviato una controversia commerciale presso l’Organizzazione mondiale del commercio contro gli Stati Uniti per le misure di controllo sulle esportazioni di chip, ha dichiarato lunedì il ministero del Commercio cinese.

La Cina è da tempo in ritardo rispetto al resto del mondo nel settore delle apparecchiature per la produzione di chip, che rimane dominato da aziende con sede negli Stati Uniti, in Giappone e nei Paesi Bassi.

Negli ultimi vent’anni sono emerse diverse aziende nazionali, ma la maggior parte di esse rimane indietro rispetto ai rivali in termini di capacità di produrre chip avanzati.

Le apparecchiature di incisione e di processo termico di NAURA, ad esempio, possono produrre solo chip a 28 nanometri e oltre, tecnologie relativamente mature.

Shanghai Micro Electronics Equipment Group Co. Ltd, Seme, l’unica azienda cinese che si occupa di litografia, è in grado di produrre chip da 90 nanometri, ben al di sotto dell’olandese Asml, che produce chip a partire da 3 nanometri.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/