CHIPWAR. Gli strani intrecci tra Pechino e Taipei nel mercato dei semiconduttori

119

L’investimento di una società dell’Hon Hai Technology Group nella cinese Tsinghua Unigroup ha attirato l’attenzione delle autorità di regolamentazione taiwanesi e ha sollevato nuovi interrogativi sul trasferimento di tecnologia legata ai semiconduttori da Taiwan alla Cina.

Tsinghua Unigroup è la più grande azienda cinese di semiconduttori, mentre Hon Hai Precision Industry, l’azienda principale di Hon Hai Technology Group, è il più grande produttore di elettronica a contratto del mondo. Sede a Taipei, Hon Hai Precision Industry, nota anche come Foxconn, è nota soprattutto per essere il principale assemblatore degli iPhone di Apple, riporta AT.

Foxconn Industrial Internet, una filiale di Hon Hai con sede a Shenzhen e quotata alla Borsa di Shanghai, ha recentemente investito in Tsinghua Unigroup attraverso un fondo di investimento cinese senza informare il Comitato di revisione degli investimenti del ministero degli Affari economici di Taiwan.

Fondato nel marzo di quest’anno, Xingwei (Guangzhou) Industrial Investment Partnership è uno dei 10 fondi che compongono Beijing Zhiguangxin Holding Co, che ora possiede il 100% di Tsinghua Unigroup.

Questo potrebbe comportare per Hon Hai una multa di 25 milioni di dollari taiwanesi, oltre al fatto che la Commissione per gli investimenti potrebbe non approvare l’investimento. Secondo la legge taiwanese, qualsiasi azienda taiwanese che intenda investire più di 50 milioni di dollari in Cina deve ricevere preventivamente l’approvazione del Ministero. Secondo quanto riferito, l’investimento ammontava a 5,4 miliardi di yuan cinesi, superando di gran lunga il limite legale.

Inoltre, qualsiasi investimento in un settore economico “sensibile” deve essere esaminato dalla Commissione per gli investimenti di Taiwan. I settori sensibili comprendono la progettazione, la produzione, il collaudo e l’imballaggio dei semiconduttori, cioè l’intero processo di produzione dei semiconduttori.

Da parte sua, Foxconn Industrial Internet ha affermato che: «FII è una società indipendente, quotata sul mercato azionario cinese. La società ha raccolto capitali in Cina e ha utilizzato i proventi per investire in fondi di private equity di terzi, con l’obiettivo di esplorare nuove tecnologie e obiettivi di investimento per alimentare la futura espansione della società».

Hon Hai Precision possiede l’83,5% di Foxconn Industrial Internet. Secondo la stampa taiwanese, Hon Hai sta collaborando con il Ministero degli Affari Economici. Dopo un esame completo del piano di investimento e delle sue implicazioni, il Comitato di revisione degli investimenti formulerà una raccomandazione finale.

Se verrà stabilito che non vi è alcuna minaccia per l’industria dei semiconduttori di Taiwan, il piano dovrebbe essere accettato. Si stabilirà anche l’entità dell’eventuale multa che Hon Hai dovrà pagare.

Fondato nel 1988 presso l’Università Tsinghua di Pechino, Tsinghua Unigroup è la più grande azienda cinese di semiconduttori e il più grande fornitore di cloud computing e di altre soluzioni hardware e software. Le sue filiali di semiconduttori includono il produttore di memorie flash NAND Yangtze Memory Technologies Co e il progettista di chip per telefoni cellulari Unisoc.

Ymtc è il più recente produttore al mondo di chip di memoria flash NAND, con una quota di mercato globale di circa il 5% nel 2021. La sua tecnologia è migliorata al punto che Apple sta testando i suoi prodotti e i politici americani anti-cinesi chiedono che venga sanzionata.

Unisoc è il quarto produttore mondiale di processori per telecomunicazioni mobili dopo Mediatek, Qualcomm e Apple. La sua quota di mercato globale era di circa il 9% nel 2021.

Dopo aver accumulato debiti insostenibili in un’impetuosa corsa all’espansione delle proprie attività, Tsinghua Unigroup non ha rispettato diversi pagamenti di obbligazioni nel 2020. È stata quindi costretta a una ristrutturazione controllata da un tribunale, dalla quale è ora uscita con una nuova proprietà.

Hon Hai è stata fondata nel 1974 da Terry Gou, che insieme a Morris Chang della Taiwan Semiconductor Manufacturing Company Ltd, Tmsc, è uno degli imprenditori più influenti e di successo di Taiwan.

Nel 2019 Gou si è dimesso dalla carica di presidente e amministratore delegato di Hon Hai per candidarsi alla presidenza di Taiwan, ma ha abbandonato la corsa dopo non essere stato nominato per rappresentare il Kuomintang, partito di opposizione. Rimane nel consiglio di amministrazione di Hon Hai.

Secondo la stampa taiwanese, Foxconn Industrial Internet ha recentemente acquistato quattro fabbriche di test e confezionamento di semiconduttori in Cina dalla Advanced Semiconductor Engineering di Taiwan. Come nel caso di Tsinghua Unicom, l’investimento è stato effettuato attraverso un fondo di investimento cinese.

Graziella Giangiulio