CHIPWAR. Drastico calo nella produzione di automobili nell’UE

105

La carenza globale di chip per semiconduttori ha colpito la produzione automobilistica in Romania, Turchia, Repubblica Ceca, Ungheria e Uzbekistan.

Come riporta bne IntelliNews, la scarsità di chip è stata causata da fattori che includono un’impennata creata dalla pandemia nella domanda di telefoni, Tv e console di gioco da parte di intere nazioni bloccate in casa a causa delle restrizioni del coronavirus. La situazione ha spinto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden a firmare un ordine esecutivo mentre si impegnava a cercare 37 miliardi di dollari di finanziamenti in linea con la legislazione per sovralimentare la produzione americana di chip.

Tra le aziende più colpite nel settore automotive, in Romania, il gruppo francese Renault ha annunciato altri sette giorni di interruzione nella sua fabbrica di automobili Dacia. Una mancanza di semiconduttori ha causato interruzioni nell’impianto da febbraio: «La società fa ogni sforzo per limitare l’impatto della crisi dei semiconduttori sulla produzione. Si stima che il picco di questo deficit di componenti elettronici potrebbe essere nel secondo trimestre. L’ultima stima del gruppo, a livello globale, tenendo conto di una ripresa della produzione nel secondo semestre, valuta il rischio di circa 100.000 veicoli per l’anno in corso», si legge nel comunicato Dacia.

In Repubblica Ceca, Toyota Motor Manufacturing Czech Republic ha sospeso la sua produzione di automobili a Kolin per 14 giorni dal 22 marzo a causa di scorte insufficienti di semiconduttori. Ha detto che alcune spedizioni di semiconduttori sono state trattenute a causa di tempeste di neve in Texas. Lo stesso problema è stato segnalato dalla casa automobilistica ceca Skoda Auto, di proprietà della Volkswagen; la sua produzione è stata ridotta e le consegne di nuove auto stanno rallentando. Si deve tener presente che Toyota ha otto stabilimenti nell’Unione europea.

In Turchia, la casa automobilistica turca Oyak Renault il 9 marzo ha annunciato che avrebbe fermato la produzione in uno stabilimento che produce i modelli Clio e Megane dal 15 al 22 marzo a causa della carenza globale di chip.

Durante il fermo di Oyak Renault, la casa automobilistica turca Tofas, di proprietà congiunta del conglomerato locale Koc Holding e di Fiat Chrysler Automobiles, ha annunciato in un documento della Borsa Istanbul che avrebbe sospeso la produzione dal 19 marzo al 5 aprile a causa di problemi di fornitura di chip.

Tofas ha detto che l’azienda è stata colpita dal deficit di chip «a causa dell’alta tecnologia nei suoi prodotti, l’uso crescente della composizione elettronica e il sistema di produzione integrato a livello mondiale».

L’industria automobilistica è la più grande voce dell’export turco.

In Ungheria, già a metà gennaio si registravano perturbazioni causate alla produzione automobilistica dalla penuria di chip: Mercedes-Benz Manufacturing Hungary ha fermato la produzione nella sua fabbrica per 10 giorni alla fine di gennaio. Sempre alla fine di gennaio, l’impianto della casa automobilistica tedesca Audi è tornato ad avere tre turni di lavoro dopo aver ridotto il numero a uno solo per quasi due settimane a causa della mancanza di semiconduttori. Audi Hungaria ha detto che la domanda globale di semiconduttori è aumentata in misura tale che le consegne di parti non sono arrivate o sono arrivate in ritardo.

Il 12 marzo, i dati dell’Ufficio Centrale di Statistica ungherese hanno mostrato che la produzione dell’industria automobilistica del paese è scesa del 27,5% a/a in gennaio a causa della produzione ridimensionata. Il settore ha rappresentato il 25% della produzione manifatturiera totale dell’Ungheria nello stesso mese.

La Commissione europea vuole che il 20% dei chip, in termini di valore, sia prodotto all’interno dell’Ue entro il 2030: era il 10% nel 2020.

Non va meglio altrove. In Uzbekistan, l’unica casa automobilistica uzbeka, UzAuto Motors, il 2 marzo ha detto che ha pianificato di ritardare i tempi di consegna dei veicoli prodotti fino a due mesi a causa dell’impatto sulla produzione della carenza mondiale di semiconduttori.

UzAuto Motors produce auto Chevrolet in base a un accordo con la statunitense General Motors.

Graziella Giangiulio