CHIPWAR. Biden punta anche sulla produzione di chip per riprendersi alle elezioni

100

Il Presidente Joe Biden ha inaugurato il 20 maggio il suo viaggio in Asia visitando una fabbrica sudcoreana di chip per computer che sarà il modello per un altro impianto in Texas, proponendola come un modo per approfondire i legami con l’Indo-Pacifico e alimentare l’innovazione tecnologica e promuovere democrazie vivaci.

«Gran parte del futuro del mondo sarà scritto qui, nell’Indo-Pacifico, nei prossimi decenni (…) Questo è il momento, a mio avviso, di investire l’uno nell’altro per approfondire i nostri legami commerciali, per avvicinare ancora di più i nostri popoli», ha detto Biden.

Il messaggio di Biden era orientato verso la promessa di un domani migliore, ma era anche rivolto agli elettori statunitensi in mezzo alle sfide politiche interne, come l’inflazione spinta dalla carenza di chip, mentre Biden cerca di dimostrare come la sua amministrazione stia realizzando la crescita economica, riporta AP.

Lo scorso novembre la Samsung, proprietaria dell’impianto di chip, ha annunciato l’intenzione di aprire una fabbrica di semiconduttori da 17 miliardi di dollari in Texas. La carenza di semiconduttori dello scorso anno ha colpito pesantemente la disponibilità di automobili, elettrodomestici e altri beni, causando un aumento dell’inflazione e paralizzando il consenso pubblico di Biden tra gli elettori statunitensi. Il Presidente ha sottolineato che l’impianto texano aggiungerà 3.000 posti di lavoro ad alta tecnologia e che la costruzione includerà manodopera sindacale.

Durante la visita di cinque giorni in Corea del Sud e Giappone, Biden si confronterà con una moltitudine di questioni di politica estera, cercando al contempo di spiegarne la rilevanza per il pubblico americano. Biden non ha menzionato la Cina, che è emersa come principale concorrente degli Stati Uniti, ma ha sottolineato il valore delle alleanze che attualmente escludono questo Paese.

Ad accogliere Biden allo stabilimento c’erano il nuovo presidente della Corea del Sud, Yoon Suk Yeol, e il vicepresidente della Samsung Electronics Lee Jae-yong. Yoon è un politico esordiente che è diventato presidente, la sua prima carica elettiva, poco più di una settimana fa. Ha fatto campagna elettorale per assumere una posizione più dura contro la Corea del Nord e per rafforzare l’alleanza di 70 anni con gli Stati Uniti.

La carenza di chip per computer è in parte dovuta alla forte domanda che si è registrata in gran parte del mondo dopo la pandemia di coronavirus. Ma le epidemie di coronavirus e altre sfide hanno causato anche la chiusura di impianti di semiconduttori. I funzionari governativi statunitensi hanno stimato che la produzione di chip non raggiungerà i livelli auspicati fino all’inizio del 2023.

Secondo la Semiconductor Industry Association, le vendite globali di chip per computer hanno totalizzato 151,7 miliardi di dollari nei primi tre mesi di quest’anno, con un aumento del 23% rispetto allo stesso periodo del 2021.

Oltre il 75% della produzione globale di chip proviene dall’Asia. Si tratta di una possibile vulnerabilità da cui gli Stati Uniti sperano di proteggersi attraverso una maggiore produzione interna e 52 miliardi di dollari di investimenti governativi nel settore, grazie a una legge in fase di dibattito al Congresso.

Il rischio di un’aggressione cinese contro Taiwan potrebbe interrompere il flusso di chip per computer di fascia alta, necessari negli Stati Uniti per le attrezzature militari e per i beni di consumo. Allo stesso modo, l’ermetica Corea del Nord ha effettuato test di missili balistici in presenza di un’epidemia di coronavirus, un possibile rischio per il settore manifatturiero sudcoreano in caso di un’escalation di tensione. In termini di produzione di chip, la Cina è in testa alla classifica mondiale con una quota del 24%, seguita da Taiwan (21%), Corea del Sud (19%) e Giappone (13%). Secondo la Semiconductor Industry Association, solo il 10% dei chip è prodotto negli Stati Uniti.

Samsung ha pubblicizzato l’impianto di Taylor, in Texas, nel novembre 2021. Spera di iniziare le operazioni nella seconda metà del 2024. Il gigante sudcoreano dell’elettronica ha scelto il sito in base a una serie di fattori, tra cui gli incentivi governativi e la “prontezza e stabilità” delle infrastrutture locali.

In una scheda informativa pubblicata venerdì, la Casa Bianca ha dichiarato che le aziende di semiconduttori hanno annunciato quasi 80 miliardi di dollari di investimenti negli Stati Uniti fino al 2025. Questa somma comprende 20 miliardi di dollari per lo stabilimento di Intel fuori Columbus, Ohio, fino a 30 miliardi di dollari da parte di Texas Instruments, un’espansione di 1 miliardo di dollari da parte di Wolfspeed in North Carolina e investimenti da parte di Global Foundries e SK Group.

Tommaso Dal Passo