CECENIA. Molte esecuzioni di “terroristi” sarebbero false

40

Il giornale moscovita Novaya gazeta, il 15 febbraio ha pubblicato documenti ufficiali che dimostrano che molte delle persone presumibilmente uccise in esecuzioni extragiudiziali in Cecenia nel 2017 erano state arrestate dalla polizia locale.

Novaya gazeta, ripresa da Referl, ha riferito nel 2017 che 27 individui detenuti erano stati sommariamente giustiziati alla fine di gennaio di quell’anno. Le autorità cecene hanno negato che gli individui in questione fossero mai stati arrestati, mentre il Comitato Investigativo ha respinto la richiesta di Novaya gazeta di avviare un’indagine sulle accuse.

La regione del Caucaso settentrionale della Cecenia è controllata dall’uomo forte del Cremlino Ramzan Kadyrov. Le sue forze di sicurezza sono state accusate di gravi abusi dei diritti umani per molti anni, tra cui rapimenti, torture e uccisioni.

Citando documenti che Novaya gazeta ha detto di aver ottenuto dal ministero dell’Interno ceceno, il quotidiano moscovita ha riferito il 15 febbraio che i 27 sono stati arrestati durante un’operazione speciale a seguito di un attacco contro agenti di polizia a Grozny nel dicembre 2016.

Nell’aprile 2017, Novaya gazeta ha consegnato ufficialmente al Comitato Investigativo la lista delle 27 persone e di altri tre uomini che, secondo il giornale, sono stati anche uccisi dalla polizia cecena durante una campagna contro i gay nel febbraio 2017 nella regione.

Gli investigatori hanno solo confermato che quattro uomini della lista erano morti, mentre altri due uomini sono stati sarebbero stati ancora vivi.

Tuttavia, Novaya gazeta ha detto nel suo ultimo rapporto investigativo che i due in realtà erano fratelli di due uomini giustiziati identificati come Mokhma Muskiyev e Shamkhan Yusupov.

Il quotidiano ha anche affermato che diversi uomini detenuti in Cecenia nel gennaio 2017 sono stati spinti dalle forze dell’ordine locali a «fare un giuramento di fedeltà allo Stato Islamico» davanti alle telecamere e poi costretti a denunciare il gruppo estremista; i video sono stati poi utilizzati per denunciare gli uomini come terroristi.

Anna Lotti