CAUCASO. Iran e Russia nel conflitto armeno-azero

77
Screenshot

Quanto Iran e quanta Russia c’è nel confronto tra Armenia e Azerbaijan? A questa domanda che potrebbe sembrare bizarro solo ad un orecchio inesperto ha risposto il 26 giugno scorso, una conferenza organizzata dall’l’Eipa, Europe Israel Press Association, scegliendo di far trattare le diverse risposte a studiosi ed esperti no appartenenti ai due paesi caucasici per poter evitare così possibili sbilanciamenti e frizioni. 

All’evento hanno partecipato Volodymyr Kopchak, ucraino, direttore della sezione Caucaso meridionale del Centro ucraino per gli studi sull’esercito, la conversione e il disarmo, Cacds; 

Gela Vasadze, georgiano, direttore regionale del Georgian Strategic Analysis Center, Gsac; David Eidelman, israeliano, storico, stratega politico, capo del gruppo “Asia! “The Great Game”, docente di tecnologie della comunicazione che ha lavorato come consulente politico in Ucraina e in altre repubbliche post-sovietiche; Ze’ev (Vladimir) Khanin, israeliano, professore associato aggiunto presso l’Università Bar Ilan, capo del Programma di ricerca sui conflitti post-sovietici, Pscrp, presso il Centro Begin-Sadat; presidente dell’Istituto per gli studi ebraici euro-asiatici di Herzliya; Shahida Tulaganova, britannico/uzbek, produttiore e regista televisivo con la BBC (Regno Unito), Channel 4 (Regno Unito) e RFE/RL (Repubblica Ceca).

Il quadro su cui si sono mossi gli esperti era il seguente: si avvicina un accordo di pace tra Armenia e Azerbaigian e il riallineamento del confine comune. Sebbene le due repubbliche del Caucus meridionale debbano ancora definire i dettagli, entrambe le parti affermano, da un lato, di avere una visione comune su come dovrebbe essere l’accordo di pace. D’altro canto, Russia e Iran sono i principali attori della regione che rischiano di perdere da un simile accordo di pace. Non si accontenteranno della fine di un conflitto durato secoli, poiché ciò aprirà nuove opportunità per l’Armenia che non saranno conformi ai loro obiettivi strategici. I nostri esperti spiegheranno perché.

Abbiamo intervistato i relatori e vi presentiamo le loro risposte alle nostre domande incrociandole così da poter cogliere differenze e punti di contatto nelle loro analisi.

In questa prima parte inseriamo le risposte di David Aidelman e Ze’ev Khanin. 

AGC: Un attore fondamentale nella pace tra Armenia e Azerbaijan è la Turchia che attualmente iene il piede in molte scarpe in molti conflitti, vedi ucraina – russia; israele-hamas. Che ruolo gioca questo paese nella pace tra Armenia e Azerbaijan? 

David Eidelman: Il ruolo della Turchia nella risoluzione del conflitto tra Armenia e Azerbaigian è importante. La Turchia è un paese chiave nel Corridoio di Mezzo e la riconciliazione consentirà non solo di includere l’Armenia in questo progetto, ma anche di aumentare il flusso di merci attraverso di esso da est a ovest. Per l’Armenia questa è un’opportunità per uscire dai problemi economici e dall’instabilità, a cui la Russia è interessata.

Ze’ev Khanin: In generale, uno scenario del genere potrebbe esistere; Ankara potrebbe credere nel rafforzare il suo ruolo dominante nel Caucaso meridionale, promuovendo gli interessi dell’Azerbaigian, il partner locale più vicino alla Turchia, e diminuendo l’influenza regionale dell’Iran – uno dei principali mecenati armeni. Quest’ultimo in questo caso potrebbe essere meno interessato al vettore geopolitico Teheran-Erevan-Mosca. Tuttavia, prima di sapere cosa si nasconde dietro una dichiarazione del ministro degli Esteri armeno Ararat Mirzoyan, qualcosa di concordato o semplicemente un pio desiderio, la probabilità di un simile scenario non è chiara. In ogni caso, ora, per quanto riguarda la Turchia, questo sviluppo sembra più un’iniziativa tattica e datata che una mossa strategica. Non sopravvaluterei nemmeno la funzione di Ankara nella mediazione tra Ucraina – Russia, e ancor meno tra Israele e Hamas. La Turchia non è benvenuta come mediatore né da Israele né dagli Stati Uniti, dagli Emirati Arabi Uniti, dall’Arabia Saudita o dall’Egitto. Inoltre, non sono sicuro che nemmeno la leadership politica di Hamas con sede in Qatar, totalmente dipendente dall’Iran, sia così contenta delle ambizioni di Ankara.

AGC: Questione Francia e Azerbaijan orami antagonisti. Vedi caso Nuova Calerdonia, finanziamenti azeri; vedi Armenia finanziamenti francesi e anche addestramento. Come riuscirà l’Europa e gli Stati Uniti d’America a portare e mantenere la pace nel Caucaso se uno dei paesi membri UE è antagonista di una delle parti dell’accordo di Pace? 

D.E: Parlando di “interferenza” dell’Azerbaigian nella situazione in Nuova Caledonia, la Francia sta semplicemente adulando Baku. È divertente: un paese che mantiene effettivamente una colonia a 17mila chilometri dal suo territorio accusa che la lotta per l’indipendenza è sponsorizzata da un altro paese situato a 16mila chilometri da esso? Il problema qui non è l’Azerbaigian, il problema qui è la Francia. Molto spesso si oppone davvero agli interessi dell’Occidente. Questa è l’influenza della lobby armena e il desiderio di perseguire una sorta di politica, separata dall’UE e dagli Stati Uniti, i cui obiettivi finali sono incomprensibili ed effimeri.

Z.K: In effetti, in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022, i paesi del Caucaso meridionale e dell’Asia centrale hanno dovuto affrontare la minaccia di una maggiore pressione militare russa. Di conseguenza, la Francia ha trovato un’altra opportunità per rafforzare la propria influenza in queste regioni, cercando di cogliere l’opportunità di superare il suo principale partner e rivale nell’influenzare la politica estera europea. A causa dello spostamento delle priorità della politica estera americana verso il confronto con Cina e Russia, queste nicchie sono rimaste vacanti. Questi includono il Grande Medio Oriente, compreso il Caucaso, che è un’estensione diretta e naturale degli interessi strategici di lunga data della Francia nel Mediterraneo orientale. Parigi è piuttosto nervosa per la crescente attività geopolitica della Turchia in questa regione nel 2016-2020.

L’Armenia è diventata uno dei punti focali della politica intensificata della Francia nel Caucaso meridionale, dove Parigi alla fine del 2020 si è quasi ufficialmente schierata con essa nel conflitto con l’Azerbaigian, anche a causa dell’influenza della vasta diaspora armena in Francia. Per concludere, l’attuale visione politica della Parigi ufficiale nel Caucaso meridionale e nell’Asia centrale post-sovietica, la regione sembra non essere in linea con gli altri “grandi attori” europei chiave – Regno Unito e Germania (a meno che il nuovo governo francese non decida e poter cambiare l’atteggiamento del Palazzo dell’Eliseo)

AGC: Briefing di Andrei Nastasin, vicedirettore del Dipartimento di informazione e stampa del Ministero degli Esteri russo – 3 Luglio – “ Gli Stati Uniti, dopo aver invitato Armenia e Azerbaigian al vertice NATO, cercano di strapparli alla Russia”. “Lettonia, Lituania, Estonia stanno contrapponendo le ex repubbliche sovietiche alla Russia e perseguendo una linea distruttiva nel Caucaso meridionale.” Una commento su queste dichiarazioni

D.E: Non so come si possano prendere sul serio le dichiarazioni dei funzionari russi, che vedono le macchinazioni dei nemici ovunque.

Z.K: Mosca, che lotta per la leadership del “Sud del mondo” nel suo confronto con il “Nord del mondo”, usa anche in questo caso la tradizionale retorica “antimperialista”. Tuttavia, dietro la tradizionale retorica “antimperialista”, apparentemente si nasconde il timore della Federazione Russa che la normalizzazione delle relazioni tra i due paesi del Caucaso meridionale possa basarsi sulla piattaforma dell’Occidente, piuttosto che su quella guidata da Mosca.

AGC: Nell’ultimo incontro in cui Il primo ministro Nikol Pashinyan ha ricevuto la delegazione del Congresso guidata dal senatore americano Roger Wicker si è parlato del trattato di pace tra Armenia e Azerbaigian, sul progetto del governo armeno “Crocevia del mondo”, sui processi in corso nella regione e su altre questioni di reciproco interesse. Come si concilia il principio di “crocevia del mondo”, stabilità del Caucaso meridionale, con l’obiettivo americano di ridimensionamento se non “spacchettamento” della Russia e desiderio di Mosca di un nuovo ordine mondiale dove gli USA sono marginali? 

D.E: I paesi possono perseguire una politica estera equilibrata. L’Armenia vuole esistere normalmente senza il costante controllo russo. La Russia non è interessata a perdere il vassallo attraverso il quale ha ottenuto i beni sanzionati. L’Armenia ha bisogno di aiuto.

Z.K: Sembra che l’attuale leadership armena “filo-occidentale” creda ancora nella capacità di sedersi su (o tra) tutte le “sedie” e di essere un partner utile per tutte le parti coinvolte nella geopolitica regionale, consentendo così a Yerevan di mantenere una sorta di della libertà nel processo decisionale. 

Antonio Albanese e Graziella Giangiulio

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/