CANADA. Pechino blocca l’import di carne di maiale canadese

175

La Cina ha chiesto che il Canada sospenda tutte le esportazioni di carne verso il paese dopo che una indagine canadese ha riscontrato certificati falsificati legati ad alcune spedizioni di carne di maiale. La mossa si inserisce nell’escalation di tensioni tra Pechino e Ottawa, a seguito della decisione del Canada di arrestare il Cfo Huawei nel mese di dicembre.

La Cina aveva già vietato l’importazione di semi di colza canadese, aveva limitato le importazioni di prodotti a base di carne di maiale e aveva arrestato due canadesi per motivi di sicurezza nazionale. Secondo una dichiarazione pubblicata sul sito web dell’ambasciata cinese a Ottawa, la Cina ha detto che i risultati dell’inchiesta, che sono stati trasmessi ai funzionari di Pechino, hanno identificato «evidenti falle di sicurezza» nelle ispezioni canadesi delle carni destinate all’esportazione. L’indagine è stata avviata dopo che gli agenti doganali cinesi hanno trovato tracce di un additivo per mangimi, la ractopamina, in una spedizione di carne di maiale canadese congelata. La ractopamina è vietata in Cina. La Cina ha vietato ulteriori spedizioni di carne di maiale dalla società con sede in Quebec.

Secondo l’ambasciata cinese, l’indagine ha trovato che il certificato veterinario allegato alla carne di maiale congelata era contraffatto, e gli investigatori canadesi hanno scoperto ulteriori certificati falsificati. «Al fine di proteggere la sicurezza dei consumatori cinesi, la Cina ha adottato misure preventive urgenti e ha chiesto al governo canadese di sospendere il rilascio di certificati per la carne esportata in Cina» a partire dal 25 giugno, recita la dichiarazione dell’ambasciata cinese in Canada. Il ministero dell’agricoltura canadese ha fato sapere che le autorità canadesi hanno preso misure precauzionali e informato le forze dell’ordine. Il governo sta lavorando con le parti interessate canadesi del settore della carne e funzionari cinesi su questa materia.

I funzionari canadesi hanno avvertito i produttori nazionali di carne questo mese di un maggiore controllo delle loro esportazioni verso la Cina, in particolare sui potenziali errori materiali nei documenti commerciali di accompagnamento.

La Cina ha vietato le importazioni da altri trasformatori canadesi di carne suina nelle ultime settimane a causa di errori di etichettatura, e a marzo ha smesso di comprare semi di colza canadesi. Si tratterebbe di una ritorsione per l’arresto di Meng Wanzhou, direttore finanziario di Huawei.

Dopo l’arresto di Meng, la Cina ha arrestato, e successivamente accusato, due canadesi accusandoli di spionaggio. Il Canada ha chiesto alla Cina di rilasciare i due cittadini, e il primo Ministro Justin Trudeau ha parlato con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump la scorsa settimana per convincerlo appoggiarli durante l’incontro previsto con il presidente cinese Xi Jinping a margine del vertice del G20 in Giappone.

Luigi Medici