CAMBOGIA. Pechino controlla la base militare e l’autostrada che la collega

142

Dopo tre anni di lavori di costruzione guidati dalla Cina, è stata inaugurata la prima autostrada della Cambogia, un progetto che simboleggia l’intensificarsi dei legami economici tra il Paese del Sud-Est asiatico e Pechino. Costata circa 2 miliardi di dollari, la superstrada si estende per 190 chilometri tra Phnom Penh, la capitale, e la città portuale di Sihanoukville.

L’autostrada riduce il tempo del viaggio tra le due città da cinque ore a due. Questa comodità ha un costo: la tassa è attualmente fissata a 12 dollari per i veicoli convenzionali e a 60 dollari per i grandi camion. Questi prezzi suggeriscono che l’operatore e appaltatore, la società statale cinese China Road and Bridge Corporation, Crbc, spera di trarre profitto dalla strada in tempi relativamente brevi, riporta Nikkei.

La Cina e la Cambogia hanno firmato per la prima volta un accordo per la strada nel 2018 secondo il modello “build-operate-transfer”. In base all’accordo, Crbc riscuoterà i pedaggi per cinque decenni, prima di trasferire la proprietà della strada alla Cambogia. In cambio, si ritiene che la Cambogia non sia praticamente responsabile dei costi.

La Crbc ha sede a Pechino e ha uffici in circa 60 Paesi e territori. Sebbene i guadagni della Crbc non siano chiari, la sua entità madre, il China Communications Construction Group, Cccg, ha registrato 842,8 miliardi di yuan di vendite di gruppo lo scorso anno.

Secondo Engineering News-Record, pubblicazione statunitense del settore edile, Cccg è il terzo appaltatore al mondo in termini di fatturato estero. Il gruppo è uno dei principali attori della Belt and Road Initiative, la politica estera del presidente cinese Xi Jinping che mira ad approfondire i legami commerciali della Cina con il resto del mondo.

A testimonianza del ruolo della Cccg nel guidare il progetto cambogiano, striscioni rossi e blu con la scritta “China Communications Construction” in caratteri cinesi sono appesi in modo evidente vicino all’ingresso di Phnom Penh sull’autostrada.

Il sito esatto della strada è rimasto poco chiaro fino all’inizio del progetto nel 2019. Alla fine la Crbc ha completato l’autostrada prima del previsto. «La Cina è pronta a fare del suo meglio per migliorare la qualità della vita del popolo cambogiano», aveva dichiarato il premier cinese Li Keqiang durante la cerimonia di apertura il 9 novembre.

I due Paesi sono “amici di ferro”, ha dichiarato il primo ministro cambogiano Hun Sen durante lo stesso evento, sottolineando lo stato eccellente delle relazioni tra Pechino e Phnom Penh.

Per la Cambogia, la superstrada dovrebbe favorire gli investimenti nel Paese. Phnom Penh e Sihanoukville sono già collegate dalla National Highway 4, ma la congestione della strada a due corsie è peggiorata ogni anno.

La nuova autostrada è più sicura, con due corsie per senso di marcia separate da una mediana centrale.

Sihanoukville ospita la base navale di Ream, che è in fase di espansione finanziata dalla Cina e che potrebbe essere utilizzata dall’esercito cinese per rafforzare la propria presenza militare nel Mar Cinese Meridionale. Le entità cinesi hanno anche aumentato gli investimenti in hotel e casinò a Sihanoukville.

Il modello di costruzione-operazione-trasferimento nel caso della Cambogia conferisce di fatto alla Cina il controllo di una strada chiave, aggiungendosi alla sua già notevole influenza: l’anno scorso la Cina ha contribuito a più del 60% degli investimenti diretti esteri della Cambogia.

Lasciare la gestione di un’infrastruttura chiave nelle mani di una società straniera comporta anche il rischio che venga chiusa.

Si prevede che il modello di costruzione-operazione-trasferimento venga utilizzato in modo più ampio nei mercati di frontiera; Crbc ha adottato questo approccio per una superstrada in Kenya, aperta al traffico in via sperimentale a maggio.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/