CAMBOGIA. Niente armi USA per Pnom Penh

85

Gli Stati Uniti hanno vietato l’esportazione di attrezzature militari in Cambogia, citando le preoccupazioni per “l’approfondimento dell’influenza militare cinese” nel paese. L’annuncio del Dipartimento del Commercio è l’ultimo di una serie di misure contro i crescenti legami del regno cambogiano con Pechino.

Per due anni, i funzionari statunitensi hanno lanciato l’allarme sulla ristrutturazione della base navale di Ream fuori Sihanoukville, la principale città portuale della Cambogia. I lavori alla base sono stati sostenuti dal governo cinese e nel 2019 il Wall Street Journal ha riferito che era stato firmato un trattato segreto concedendo alla marina cinese l’uso della base per 30 anni. L’affermazione è stata definita falsa dal governo cambogiano, ma i sospetti sono persistiti, riporta Rfa.

Durante una visita in giugno in Cambogia, il vice segretario di Stato Wendy Sherman ha sollevato preoccupazioni con i suoi ospiti, avvertendo che una base cinese in Cambogia avrebbe avuto “un impatto negativo” sulle relazioni tra i due paesi.

Lo scambio è stato seguito a novembre da sanzioni contro due alti funzionari militari cambogiani. I dipartimenti del Tesoro e di Stato hanno affermato che i due hanno cospirato per trarre profitto illecitamente dal progetto di ristrutturazione della Ream. Le sanzioni sono state annunciate insieme a un avviso del Dipartimento del Commercio che ammoniva le imprese statunitensi della «potenziale esposizione a entità in Cambogia, come l’esercito cambogiano, che si impegnano in abusi dei diritti umani, corruzione e altri comportamenti destabilizzanti».

Un documento del Dipartimento di Stato pubblicato la scorsa settimana, riguardante l’embargo sulle armi, ha raddoppiato l’accusa che «la Cambogia continua a permettere alla Rpc di espandere la sua presenza militare e costruire strutture ad uso esclusivo sul Golfo di Thailandia». L’embargo sulle armi riguarda non solo le armi convenzionali, ma anche l’equipaggiamento “a doppio uso”.

I produttori di armi statunitensi non hanno tradizionalmente esportato in Cambogia. Negli ultimi 31 anni, non un singolo pezzo di grandi armi convenzionali è stato esportato dagli Stati Uniti in Cambogia, secondo il SIPRI Arms Transfers Database.

Tuttavia, l’embargo può ancora complicare le questioni di approvvigionamento per le forze armate cambogiane. I regolamenti in base ai quali è stato annunciato l’embargo sulle armi sono abitualmente interpretati dal governo degli Stati Uniti come applicabili a società e individui non statunitensi, a condizione che gli articoli esportati siano di origine statunitense o incorporino tecnologia, prodotti o componenti statunitensi.

Maddalena Ingrao