CAMBOGIA. Base di Ream, Phnom Penh non riesce a stare tra USA e Cina

100

La base navale cambogiana di Ream, nel Golfo di Thailandia, negli ultimi anni è stata oggetto di interesse da parte delle potenze in competizione per l’influenza nel Sud-est asiatico.

Gli sforzi della Cina per accedere alla base sono emersi per la prima volta nel luglio 2019, dopo che il Wall Street Journal ha riportato un presunto accordo che consentiva ai militari cinesi di utilizzare la base. Il governo cambogiano ha facilitato una visita alla base navale per 70 giornalisti locali e stranieri per contrastare i risultati del rapporto, riporta AT.

Nonostante gli sforzi della Cambogia per dissipare le accuse di una presenza militare cinese nella base navale di Ream, i sospetti hanno continuato a crescere. Dopo la visita del vice segretario di Stato americano Wendy Sherman a Phnom Penh nel 2021, il governo cambogiano ha acconsentito a una visita dell’addetto alla Difesa statunitense con sede in Cambogia.

Ma la visita è stata un insuccesso visto che i funzionari militari cambogiani hanno rifiutato il pieno accesso alla base.

La base navale di Ream non ha le strutture per ospitare grandi navi da guerra in visita e le acque circostanti sono troppo poco profonde per ospitare grandi navi straniere. Le navi straniere in visita fanno regolarmente base nel vicino porto commerciale di Sihanoukville.

Il progetto di sviluppo della base navale di Ream, recentemente annunciato e finanziato dalla Cina, mira a fornire alla Marina cambogiana le strutture e la tecnologia necessarie per colmare queste lacune. Il progetto di sviluppo migliorerà le strutture mediche e di addestramento e riparerà otto navi della Marina cambogiana.

Altre nuove strutture riguarderanno i sistemi di comunicazione e sorveglianza, comprese le strutture di comunicazione e radar fondamentali per le comunicazioni a lungo raggio da terra a nave e per il rilevamento della posizione delle navi cambogiane in mare. Le acque intorno alla base saranno approfondite e saranno costruiti dei moli per consentire l’attracco di navi da guerra straniere più grandi.

Questi sviluppi consentiranno alla Cambogia di accogliere nella base navi militari straniere più grandi in visita di cortesia o di addestramento.

La Cina sta finanziando il progetto di sviluppo senza porre alcuna condizione. Durante i negoziati, i cinesi hanno capito che la Cambogia non avrebbe condiviso il controllo della base navale di Ream e che Phnom Penh non si sarebbe schierata nella rivalità tra Stati Uniti e Cina.

Gli Stati Uniti hanno un forte interesse per la base navale e quando la Cambogia ha demolito un edificio finanziato dagli Stati Uniti annesso alla base nel 2020, Washington si sarebbe offerta di costruire due nuovi edifici in cambio di un’autorità condivisa su alcune parti della base, proposta che la Cambogia ha rifiutato.

Ci sono ragioni operative legittime perché la Cambogia sviluppi le sue strutture navali e, permettendo alla Cina di finanziare lo sviluppo della base, la Cambogia sta approfittando degli sforzi di Pechino per conquistare influenza nel Sud-est asiatico. Tuttavia, Phnom Penh è consapevole della sensibilità che circonda la base e della necessità di garantire che non venga utilizzata da potenze straniere per danneggiare gli interessi degli Stati membri dell’Asean.

La dichiarazione congiunta cambogiano-vietnamita del dicembre 2021 afferma che a nessuna forza ostile sarebbe stato permesso di utilizzare i rispettivi territori per danneggiare la sicurezza dell’altro. I funzionari cambogiani intervistati affermano che la loro posizione non permette che la base navale di Ream venga usata da una grande potenza contro un’altra.

Con l’intensificarsi della competizione tra Stati Uniti e Cina, si sta restringendo la finestra attraverso la quale la Cambogia può estrarre benefici dai due paesi in competizione.

Tommaso Dal Passo