Luna di miele nel Califfato

78

SIRIA – Raqqa 24/07/2104. Isis si lancia nel turismo, da quello familiare a quello matrimoniale, nel suo Califfato.

I tour hanno cadenza bisettimanale (mercoledì e domenica) e partono dalla città siriana di Raqqa fino ad Anbar in Iraq, gli Isis bus inalberano la bandiera nera del gruppo e offrono sound jihadista diffuso nell’autobus per tutta la durata del viaggio. I jihadisti caucasici e centroasiatici sono stati tra i primi a utilizzare questo servizio per la loro luna di miele con le nuove mogli siriane. Nell’autobus uomini e donne sono rigidamente divisi: uomini davanti e donne dietro. I tour avrebbero iniziato ad operare immediatamente dopo la proclamazione del califfato che copre aree nord-orientali della Siria, l’area di confine tra Siria e Iraq e parti nord-occidentali dell’Iraq. Precisamente gli autobus turistici del gruppo iniziano il loro viaggio a Tal Abyad (al confine turco-siriano) e lo finiscono ad Anbar, in Iraq. Effettuano un servizio “hop on – hop off” e non c’è ovviamente bisogno di un passaporto per attraversare il confine; chi gestisce i tour è ovviamente una società sorta per fare affari da questa attività, riportai il pachistano Dawn. Il prezzo varia, a seconda del percorso che si intende effettuare. La maggior parte di coloro che utilizzano gli autobus sarebbero jihadisti stranieri che comunicano in inglese, e indossano abbigliamento “afghan style”, quello preferito, a quanto pare, dai jihadisti, riporta anche l’Afp. C’è un servizio di traduzione presente sul bus, con una guida che spiega ai turisti dove stanno andando. Gli uomini sul bus non sono armati, ma gli autobus hanno scorte armate. La compagnia di autobus Isis è “popolare” tra le famiglie siriane che hanno parenti in Iraq. Si tratta di gruppi clanici sparsi nelle zone lungo l’ex confine che usano questi autobus per visitare le loro famiglie. Inoltre una parte dei passeggeri li usa per fare affari nell’area o per staccare dallo stress dei combattimenti.