BULGARIA. Sofia nomina premier il commissario europeo Mariya Gabriel

167

Il commissario europeo Mariya Gabriel è stata nominata primo Ministro della Bulgaria dal Gerb-SDS, ha dichiarato il leader del Gerb Boyko Borissov il 10 maggio.

Borissov intende ora tenere colloqui con gli altri partiti parlamentari, ma finora il Gerb non è riuscito a convincere gli altri partiti del nuovo parlamento, in particolare la coalizione riformista di orientamento occidentale Change Continues-Democratic Bulgaria (CC-DB), a unire le forze e a sostenere un nuovo governo, riporta BneIntelliNews.

Gabriel, commissario europeo per l’innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione, i giovani e lo sport, dovrebbe tenere colloqui con i rappresentanti di tutti i partiti e le coalizioni presenti in parlamento nel tentativo di mettere insieme un governo regolare, ha dichiarato Borissov.

«Accogliamo con grande favore la nomina di Mariya Gabriel a primo ministro designato della Bulgaria. Ha l’esperienza e l’autorità internazionale per superare lo stallo politico di Sofia. Pieno sostegno al nostro partito gemello GERB-SDS per aver messo al primo posto gli interessi del Paese», ha scritto su Twitter Manfred Weber, leader del Partito Popolare Europeo (PPE). Gabriel è stato vicepresidente del gruppo del Ppe nel periodo 2014-2017.

Il 9 maggio, il leader del Gerb aveva dichiarato di essere in procinto di nominare una figura forte in grado di affrontare le sfide attuali e ha nuovamente esortato la seconda formazione più numerosa del parlamento, il CC-DB, a sostenere un nuovo governo.

Tuttavia, il 10 maggio, Daniel Lorer del CC ha dichiarato che la nomina di Gabriel non cambia la decisione della coalizione di non appoggiare un governo nominato da o con la partecipazione di Gerb. La coalizione riformista è riluttante a governare insieme a Gerb a causa di diversi scandali di corruzione che coinvolgono Borissov e membri chiave del partito.

Lorer ha affermato che il nome del candidato a primo Ministro non cambia nulla, poiché la coalizione non si fida dell’intero partito Gerb, non solo di alcuni dei suoi membri. Il CC-DB non nominerà i ministri in un governo guidato da Gabriel.

Anche il partito più piccolo del parlamento, There Are Such People (ITN), ha dichiarato che non sosterrà un governo guidato da Gerb fino a quando non saranno resi noti tutti i candidati ministri.

Nel frattempo, il Movimento per i diritti e le libertà (DPS), considerato da anni un partner di coalizione non ufficiale di Gerb, ha approvato la nomina, ma ha dichiarato di voler vedere la formula proposta per il governo e le sue priorità prima di decidere se appoggiarlo.

Il Partito socialista bulgaro (BSP) ha affermato che la nomina di Gabriel è stata un errore di Borissov, poiché è stata fatta prima di una riunione dei leader di tutti i partiti in parlamento.

Borissov ha dichiarato che avrebbe tenuto tali riunioni nel tentativo di trovare un accordo su un governo e un programma comuni.

Il leader dell’estrema destra filo-russa Vazrazhdane, Kostadin Kostadinov, ha dichiarato che il suo partito non sosterrà alcun governo che non sia guidato da Vazrazhdane.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/