BULGARIA. Guerra di spie tra Sofia e Mosca

111

La Russia ha detto il 5 dicembre che stava espellendo un diplomatico bulgaro come rappresaglia dopo che Sofia ha chiesto a un diplomatico russo di lasciare il paese per sospetti di spionaggio. Il ministero degli Esteri russo ha detto che all’ambasciatore bulgaro a Mosca, Atanas Krastin, è stata consegnata una nota che lo informa che un dipendente della missione è stato dichiarato “persona non grata”.

«Il passo è una misura di ritorsione in risposta alla decisione delle autorità bulgare di espellere un diplomatico russo dal paese in ottobre», ha detto il ministero degli Esteri in una dichiarazione, ripresa dal Malay Mail. Non sono stati forniti ulteriori dettagli. Alla fine di ottobre, Sofia ha espulso un diplomatico russo dopo aver ignorato la richiesta di lasciare al paese a seguito di un’indagine che aveva confermato che stava effettuando attività spionistiche nel paese membro dell’Ue e della Nato. 

All’ambasciatore russo è stato detto all’epoca che il diplomatico in questione, primo segretario dell’ambasciata a Sofia, ha 24 ore di tempo per lasciare il paese. Secondo Afp, poi, le tensioni russo-bulgare sono aumentate a settembre, quando i pubblici ministeri bulgari hanno accusato un attivista filo-russo, Nikolay Malinov, di spionaggio e hanno vietato a suoi contatti russi di entrare in Bulgaria. Malinov, ex legislatore, dirige Rusofili, la più grande organizzazione non governativa filo-russa in Bulgaria.

AI primi di novembre a Malinov è stato concesso di visitare Mosca, dove ha ricevuto un premio dal presidente Vladimir Putin. Nonostante il divieto di viaggiare all’estero nell’ambito di un accordo che prevedeva una cauzione di 28.000 dollari, il tribunale bulgaro ha concesso a Nikolay Malinov il permesso di recarsi in Russia il 1° novembre. A Mosca, il capo del Movimento Nazionale Russofili ha partecipato a un ricevimento che segnava la Giornata dell’Unità Nazionale della Russia ed ha ricevuto una onorificenza statale russa. 

La motivazione dell’onorificenza concessa da Putin riconosce il contributo di Malinov «allo sviluppo dell’amicizia e della cooperazione tra i nostri paesi» e «non dovrebbe essere oggetto di alcun procedimento giudiziario», disse il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov «Speriamo che persone come lui abbiano l’opportunità di continuare a lavorare».

Malinov ha visto in pensione il tenente generale dei servizi segreti russi Leonid Reshetnikov, che è vice capo della ONG ed è stato vietato di visitare la Bulgaria per 10 anni, a Mosca. A Mosca, Malinov ha incontrato il generale dei servizi segreti russi Leonid Reshetnikov, vice direttore della Russofili cui è stato vietato di visitare la Bulgaria per 10 anni, riporta Bloomberg.

Anna Lotti