BULGARIA. Arriva a Sofia la “Rivolta dei Trattori”

36

Si allarga fino alla Bulgaria la protesta degli agricoltori europei: anche Sofia è bloccata dai trattori. 

Centinaia di agricoltori arrabbiati sono scesi in piazza il 5 febbraio nella capitale bulgara, Sofia, per lamentarsi di quello che hanno definito “il fallimento totale” del governo nel far fronte alle crescenti sfide del settore agricolo.

Hanno chiesto al ministro dell’Agricoltura Kiril Vatev di dimettersi per non aver mantenuto le promesse di alleggerire il carico amministrativo sul settore agricolo e di chiedere un risarcimento statale per i costi elevati e il calo dei redditi, riporta AP.

Come i loro colleghi di altre parti d’Europa, gli agricoltori bulgari sono frustrati dalle regolamentazioni prepotenti dell’Unione Europea, dalle difficoltà derivanti dall’aumento dei costi dei fertilizzanti e dell’energia a causa della guerra della Russia in Ucraina, dalle crescenti importazioni di prodotti agricoli extraeuropei e privi dei controlli che prevede l’UE, che stanno inondando i mercati locali e dalla sottoquotazione dei prezzi dei prodotti agricoli.

Ventsislav Varbanov, presidente dell’Associazione dei produttori agricoli, si è lamentato del fatto che il governo sta aggiungendo ulteriori oneri eccessivi, invece di cercare di dare sollievo agli agricoltori.

«Permettetemi di ricordarvi che i nostri interessi non sono stati tutelati né quando le merci ucraine ci hanno inondato», ha detto, riferendosi ai prodotti più economici esportati dall’Ucraina, «né avevamo garanzie di bilancio per le perdite subite a causa della guerra in Ucraina».

Varbanov ha invocato una politica governativa a lungo termine: «Vogliamo sapere cosa accadrà domani, nel prossimo anno, nei prossimi cinque anni».

Nel frattempo, l’associazione dei produttori di grano ha annunciato che i suoi membri potrebbero bloccare le strade principali con i loro veicoli agricoli.

L’associazione ha espresso il suo malcontento per la dichiarazione del primo ministro Nikolay Denkov in risposta alle loro richieste di risarcimento secondo cui solo i produttori di grano che possono dimostrare una perdita per il 2023 riceveranno un sostegno finanziario. L’associazione vuole una qualche forma di risarcimento per tutti i produttori di grano.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/