Brasilia, tangenti per costruire

54

BRASILE – Brasilia. 28/4/13. Continua la lotta contro al corruzione in Brasile, questa volta è finita nel mirino delle autorità i finanziamenti al progetto Minha Casa Minha Vida. Ovverro l’opportunità di avere per i brasiliani abitazioni a basso costo con intervento pubblico e una parte rimborsata pagando un affitto per trent’anni in base al reddito della famiglia. 

 

Il Ministero dell’edilizia urbana, Aguinaldo Ribeiroha ha fatto sapere tramite un comunicato stampa che ha chiesto alla polizia federale di esaminare le denunce sulla presunta collezione di tangenti e appropriazione indebita di risorse nel Minha Casa Minha Vida. La richiesta è stata fatta direttamente al ministro della Giustizia José Eduardo Cardozo, che ha autorizzato l’indagine. Il 16 aprile, Ribeiro aveva già deciso di avviare un’indagine interna e ha chiesto una verifica di Controllo Generale (CGU). Il 27 aprile il leader della mobilitazione democratica (MD, ex PPS) alla Camera, Rubens Bueno (PR), ha annunciato che il partito convocherà il Ministro per l’edilizia urbana, l’ex direttore del Ministero per la casa Daniel Vital Nolasco, affiliata il PCdoB Partner Advisory RCA così come le imprese e rappresentanti delle banche brasiliane per avere spiegazioni in merito alla questione. 

«La continua vigilanza è essenziale per assicurare la trasparenza e la correttezza nell’applicazione delle risorse programma MCMV, riconosciuto a livello internazionale per soddisfare la popolazione a basso reddito e di generare effetti positivi per l’economia del Paese», riferisce il comunicato del Ministero per l’edilizia urbana. Nella sua edizione di sabato O GLOBO ha riferito che i costruttori piccole e medie imrpese hanno ottenuto contratti per realizzare abitazioni, aderendo al progetto una casa per tutta la vita, nei comuni con meno di 50.000 abitanti solo pagando tangenti che vanno dal 10% al 32% del valore dell’immobile costruito. Il denaro è stato depositato sul conto del contraente e Souza Lima, fondata dal direttore generale della RCA, Valmir Lima, e Valdemar de Souza Júnior, ingegnere presso RCA.