BRASILE. Ultimo tentativo di Lula di sbloccare l’accordo MERCOSUR UE

142

Il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva ha dichiarato al primo ministro spagnolo Pedro Sánchez durante una conversazione telefonica la scorsa settimana di essere desideroso di finalizzare l’accordo commerciale tra l’Unione Europea e il Mercosur.

«Se noi due, che siamo amici, non facciamo uno sforzo grande per raggiungere questo accordo, penso che quell’accordo non verrà fuori», ha detto al collega europeo il leader brasiliano e presidente pro tempore del Mercato Comune Sudamericano, riporta MercoPress.

L’accordo commerciale tra il Mercosur e l’Unione Europea è in “stallo” dal 2019 dopo che sono emerse discrepanze su questioni ambientali.

«Pedro Sanchez, che è il presidente dell’UE, non è lì per discutere di guerre, ma per discutere dell’accordo commerciale, ed è quello che dobbiamo fare mentre io presiedo il Mercosur e lui è alla presidenza del blocco europeo», ha detto Lula.

Il Brasile passerà la presidenza del Mercosur al Paraguay durante il vertice semestrale del 6 e 7 dicembre. Il presidente paraguaiano Santiago Peña si è impegnato a non spendere le sue energie nell’accordo europeo se Lula fallisce.

«Se Lula non chiude, non proseguirò questi negoziati nel prossimo semestre e la presidenza paraguaiana del blocco si concentrerà sulla discussione di accordi con altre regioni del mondo che possano essere raggiunti molto rapidamente», ha spiegato Peña a settembre.

Per quanto riguarda la scena interna, Lula ha detto che non vuole che le forze armate siano coinvolte nella lotta contro la violenza nelle favelas di Rio de Janeiro perché “non è il loro ruolo”.

Lunedì scorso, la Zona Ovest di Rio de Janeiro è stata teatro di un’ondata di violenza, durante la quale si sono verificati la distruzione e l’incendio di una trentina di autobus come rappresaglia per la morte di Matheus da Silva Rezende, alias ‘Teteu’, considerato il ‘numero due’ della milizia che controlla la città. Almeno dodici persone sono state arrestate per questi fatti, descritti dal governatore dello stato di Rio de Janeiro, Cláudio Castro, come “azioni terroristiche”, promettendo che non ci sarà tregua finché non avranno arrestato i principali leader di queste fazioni che contestano il controllo del territorio con i narcotrafficanti.

«Non voglio che le Forze Armate nella favela combattano con i criminali, non è il loro ruolo», ha detto Lula ai giornalisti venerdì sera dopo aver incontrato il ministro della Difesa José Múcio e i vertici.

Il presidente ha inoltre sottolineato di essere in buoni rapporti con le forze armate e ha chiesto che i militari non vengano giudicati per “la follia di quanto accaduto l’8 gennaio”, quando i rivoltosi hanno cercato di attirare le truppe per organizzare un colpo di stato e hanno preso d’assalto la sede dei tre rami del governo a Brasilia.

Lula ha anche sottolineato che sarà difficile per il suo governo raggiungere l’obiettivo di azzerare il deficit primario (il risultato dei conti del governo senza interessi sul debito pubblico) nel 2024. «Difficilmente raggiungeremo l’obiettivo di deficit zero entro il 2024», ha detto Agencia Brasil durante la colazione con i giornalisti al Palazzo Planalto.

«Faremo tutto il possibile per raggiungere l’obiettivo fiscale. Quello che posso dire è che non deve essere zero, il Paese non ne ha bisogno. Non fisserò un obiettivo fiscale che mi obblighi a iniziare l’anno tagliando miliardi alle opere che sono prioritarie per questo Paese. Penso che il mercato sia spesso troppo avido e continui a pretendere un obiettivo che sa che non sarà raggiunto», ha aggiunto.

«Sappiamo che il prossimo anno sarà un anno difficile a causa del calo degli investimenti in Cina, del calo della crescita in Cina e dell’aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti», ha affermato. «Non resteremo qui ad aspettare che arrivino brutte notizie, lavoreremo per migliorare le cose», ha aggiunto.

Secondo Lula, il Brasile sta vivendo un momento eccezionale per quanto riguarda il potenziale dell’energia verde che può attrarre investimenti per creare posti di lavoro e rilanciare l’economia.

Lula è stato anche informato dal ministro dell’Agricoltura e dell’allevamento Carlos Fávaro giovedì, in vista della 28esima Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) prevista per fine novembre a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti.

«Il Brasile ha il potenziale per espandersi di 40 milioni di ettari attraverso l’agricoltura, l’allevamento e la silvicoltura, dando priorità alla conservazione ambientale, dando l’esempio a livello globale. Questa è una delle iniziative chiave che il presidente Lula intende presentare alla COP28», ha detto Fávaro al capo dello Stato secondo Agencia Brasil.

Il ministro ha inoltre osservato che Lula ha espresso entusiasmo per il potenziale di attrarre risorse internazionali per il programma di conversione dei pascoli. «Si è impegnato personalmente a promuovere questo sforzo per stimolare la crescita», ha detto Fávaro ai media.

Maddalena Ingroia

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/