Più poveri in Brasile

153

BRASILE – Brasilia 06/11/2014. Il numero di brasiliani che vivono in condizioni di estrema povertà è passato da 10,08 milioni nel 2012 a 10 milioni e 450mila nel 2013, il primo aumento dopo 10 anni consecutivi di riduzione.

Lo ha annunciato il governo il 5 novembre. Nonostante l’aumento del 2013, il numero totale degli indigenti è meno della metà di quello che era nel 2003. La popolazione totale del Brasile è salita da 198 milioni e 660 mila persone nel 2012 a 201.930.000 nel 2013: un aumento del 1,2 per cento. L’aumento del 3,7 per cento nel numero degli indigenti è stato segnalato dall’Ipea, acronimo portoghese per Istituto ricerca economica applicata, attingendo i dati da una ricerca sulle famiglie brasiliane. I dati, pubblicati sul sito Ipea senza commenti, sono apparsi dopo che l’agenzia era stata criticata per non aver pubblicato i dati sociometrici in precedenza, come da programma, prima del ballottaggio del 26 ottobre, vinto da Dilma Rousseff. Ipea definisce povertà estrema quella con un reddito pro capite al di sotto del livello necessario per comprare cibo sufficiente a soddisfare l’apporto calorico minimo consigliato per una persona. Il numero di brasiliani in questa categoria era in calo dal 2003, quando Luis Inácio Lula da Silva aveva iniziato il primo dei suoi due mandati presidenziali con il lancio di un programma anti-povertà che assiste ancora oggi circa 50 milioni di famiglie. Il programma, considerato un modello in tutto il mondo nella lotta contro la povertà, ridurre il numero di persone estremamente povere in Brasile da 36.240.000 nel primo anno di Lula in carica a 13,6 milioni alla fine del suo mandato. Con la Rousseff, il numero ha continuato a scendere, da 11.770.000 nel 2011 a 10.080.000 nel 2012.
Il numero di persone descritte come povere, che hanno cioè un reddito sufficiente a sfamare due persone, è diminuito del 5,4 per cento da 30.350.000 nel 2012 a 28.690.000 nel 2013. Dal 2003, quando c’erano 61 milioni 810 mila poveri in Brasile, il numero è sceso del 53 per cento.