Il Brasile vuole cambiare il Mercosur

40

BRASILE – Brasilia 18/02/2014. La Confederazione nazionale delle industrie del Brasile, Cni, chiede una revisione delle norme del Mercosur, come l’impedimento per i paesi membri a negoziare accordi commerciali con paesi terzi, e sostiene con fervore una piena cooperazione con l’Unione europea.

Carlos Abijaodi, capo del dipartimento per lo Sviluppo Industriale dal Cni, ha detto che il gruppo che rappresenta difende una revisione delle regole del Mercosur «in particolare quelle che costringono tutti i membri a negoziare congiuntamente accordi commerciali con i paesi terzi (…) L’industria brasiliana vuole negoziare accordi commerciali con altri paesi a velocità diverse dal resto dei membri del Mercosur», ha detto Abijaodi aggiungendo che «è importante far parte di catene di valore globali che rappresentano l’innovazione per le imprese in patria. Altrimenti perdiamo competitività ed è difficile vederci progredire nei nuovi mercati internazionali». 

Abijaodi sarà presente ad un forum economico Paraguay-Brasile, ad Asunción, cercando di promuovere ulteriormente la produzione nella più piccola economia nel Mercosur. 

Tuttavia Abijaodi ha anche ammesso che «nonostante le difficoltà macroeconomiche incontrate dai paesi latino-americani negli ultimi 20 anni e le differenze interne, il Mercosur è importante per le dinamiche commerciali, l’incremento degli investimenti e la promozione dello sviluppo». 

Per quanto riguarda i negoziati commerciali con l’Unione europea, l’esperto brasiliano ha detto che è «urgente per il Mercosur raggiungere un accordo di libero scambio con l’Ue (…) Noi di Cni sosteniamo che il Brasile prenda l’impegno di portare questa proposta, anche se il resto del Mercosur non è pronto. Potrebbe essere l’ultima occasione per avanzare nell’accordo, dal momento che a maggio la Commissione europea eleggerà un nuovo presidente, e non sappiamo se il prossimo sarà interessato al Mercosur e ai nostri bisogni», ha sottolineato Abijaodi. 

Per quanto riguarda il protezionismo argentino, ostacolo per raggiungere un accordo interno al Mercosur per negoziare con l’Ue, l’esperto del commercio brasiliano ha detto che «l’Argentina sta attraversando un momento complesso. Se l’Argentina non è disposta a continuare a partecipare al Mercosur, il Brasile dovrà andare avanti».