BRASILE. Maiolino, l’arte del migrante

24

Anna Maria Maiolino, classe 1942, è nata in Italia e si è trasferita con la famiglia in Venezuela nel 1954, poi in Brasile nel 1960. Nel 1968 si è trasferita a New York nella speranza di sfuggire al regime politico repressivo del Brasile, dove ha studiato al Pratt Institute ed è stata esposto ad altri artisti latinoamericani che lavorano in città, vale a dire Helio Oiticica e Lygia Clark. Tuttavia, Maiolino ha lottato per situare la sua pratica artistica e i suoi figli negli Stati Uniti, e nel 1971 è tornata in Brasile.

La storia personale di Maiolino è la storia di un corpo di migranti, una madre e un’artista che negoziano i suoi vari ruoli nella cultura e nell’industria. Ognuno di noi ha la propria versione di questa negoziazione con cui dobbiamo confrontarci: come possiamo partecipare a rigidi sistemi globali pur continuando a considerarci come esseri emotivi e fisici? Maiolino esercita il lavoro della sua vita per interrogare questa domanda, affrontando il compito attraverso un linguaggio che è allo stesso tempo specifico della propria esperienza, eppure culturalmente onnipresente.

Con il passare degli anni nella pratica di Maiolino, i suoi disegni iniziano a esplodere da piani pittorici in scala ridotta per incarnare ciò che hanno illustrato una volta. Le sculture di Maiolino in gesso, cemento e argilla raffigurano forme abiette che sono allo stesso tempo sensuali e grottesche. Come i disegni, le sculture condividono un vocabolario comune di simbolismo e processo materiale. Attraverso opere come Um, Nenhum, Cem Mil (1993), che si traduce in Uno, Nessuno, Centomila, e la serie, A Sombra do Outro (1993/2005), o L’ombra dell’altro, Maiolino costruisce un mondo intorno lo spettatore attraverso studi di casi fisici di corpi nello spazio.

In questo modo le composizioni diventano mappe, che delimitano il rapporto del produttore con il lavoro in un opprimente panorama globale. Una moltitudine di unità replicate compongono composizioni strette all’interno di ogni scultura – allo stesso tempo, ogni forma ripetuta ha una strana incapacità di conformarsi completamente al proprio spazio. Le forme ripetute all’interno delle sculture in argilla si scontrano l’una contro l’altra, come corpi che affrontano e negoziano lo spazio, dove ogni unità è una leggera variazione rispetto ai suoi vicini, il risultato consente all’opera di interagire con lo spazio in modo univoco.

In Italia l’abbiamo apprezzata a Ferrara nel 2019 a Palazzo Massari.

Lucia Giannini