BRASILE. Il tasso d’interesse resta fermo, mentre l’inflazione galoppa

96

Il Comitato di politica monetaria della Banca centrale brasiliana (Copom) ha deciso mercoledì di mantenere invariato il tasso d’interesse di base Selic al 13,75%, ponendo fine a dodici aumenti consecutivi iniziati nel 2021 con l’obiettivo di ridurre l’inflazione.

In un comunicato, il Copom ha dichiarato di aver seguito le aspettative del mercato, ma che rimarrà vigile, verificando la strategia di mantenere il tasso d’interesse di base invariato per un periodo sufficientemente lungo, prevedendo di garantire la convergenza dell’inflazione verso l’obiettivo ufficiale, riporta MercoPress.

Il Copom dovrebbe riunirsi nuovamente tra un mese per monitorare il tasso di base e non esiterà a tornare al ciclo di aggiustamento se l’inflazione non si placa o, al contrario, mantiene la tendenza al rialzo.

A dimostrazione del grado di incertezza dell’economia brasiliana e globale, due dei nove membri del Copom hanno votato per un aumento residuo di 25 punti base, secondo il comunicato ufficiale.

Il Copom ha aumentato il tasso Selic per dodici volte consecutive dal marzo 2021, quando il tasso di base era al minimo storico del 2%, per stimolare i consumi e gli investimenti nel bel mezzo della pandemia. L’attuale tasso del 13,75% è il più alto dal gennaio 2017.

La tendenza all’aumento dell’indice dei prezzi al consumo è diventata una delle principali sfide dell’amministrazione del presidente Jair Bolsonaro, che si candida alla rielezione il mese prossimo, pur tallonando il suo principale avversario Lula da Silva nei sondaggi di opinione.

L’inflazione a otto mesi in Brasile è salita al 4,29%, mentre negli ultimi dodici mesi è salita all’8,73%. Tuttavia, l’Indice deo prezzi al consumo di agosto è sceso dello 0,36%, il valore più basso degli ultimi 24 anni e il secondo mese con un Ipc negativo, essenzialmente a causa del calo dei prezzi del carburante. L’obiettivo di inflazione della banca centrale per quest’anno è del 3,5%.

Per quanto riguarda il Pil, l’economia brasiliana ha fatto meglio del previsto nel secondo trimestre e si stima che raggiungerà il 2,65% nei dodici mesi. Tuttavia, l’indagine Focus della Banca Centrale mostra che gli istituti finanziari stimano che la crescita del 2023 rimarrà ferma, ma il tasso Selic dovrebbe attestarsi all’11,25% entro la fine dell’anno.

Maddalena Ingrao