BRASILE. È bruciata un’area grande quanto il Libano

39

La deforestazione nella regione amazzonica del Brasile sta peggiorando sotto l’amministrazione Jair Bolsonaro. Tra agosto 2019 e luglio 2020, la deforestazione nell’enorme distesa della giungla tropicale è aumentata del 9,5% rispetto ai 12 mesi precedenti, raggiungendo il livello più alto dal 2008. La perdita di copertura vegetale nel bioma, che copre circa il 60% del territorio brasiliano, è stata di 11.088 chilometri quadrati nell’ultimo anno, un’area più grande del Libano o della Giamaica.

I dati, riporta Laht, sono stati resi noti il 30 novembre, dall’Istituto nazionale brasiliano per la ricerca spaziale, Inpe, un’agenzia governativa, insieme alle immagini satellitari che confermano la tendenza al rialzo della deforestazione in Amazzonia. Il dato, preliminare e che sarà confermato solo l’anno prossimo, è maggiore della superficie deforestata nel periodo da agosto 2018 a luglio 2019, quando sono stati disboscati 10.129 km quadrati, ed è la peggiore perdita di vegetazione dal 2008, quando sono stati distrutti 12.911 km quadrati di foresta e giungla.

Il periodo in questione, tuttavia, è il primo a cadere esclusivamente durante l’amministrazione di Bolsonaro, che è entrato in carica il 1° gennaio 2019, ed è sotto forte pressione per la sua politica ambientale, che è stata oggetto di critiche da parte di ecologisti, grandi fondi di investimento, grandi aziende e alcuni governi europei. Il leader brasiliano, che difende lo sfruttamento delle risorse naturali nella zona amazzonica, anche nelle riserve indiane, lo scorso anno ha messo in dubbio le statistiche ufficiali sulla deforestazione.

Il vice presidente del Brasile, Hamilton Mourao, in qualità di capo del Consiglio nazionale dell’Amazzonia, ha riconosciuto ai giornalisti che non c’è motivo di “festeggiare qualcosa”, ma ha aggiunto che le cifre mostrano gli “sforzi” che il governo sta facendo “stanno dando i loro frutti”. Le organizzazioni non governative ambientaliste hanno però interpretato i risultati in modo diverso, dicendo che riflettono «un’operazione di grande successo per annientare la capacità dello Stato e degli enti finanziatori» di combattere la criminalità in Amazzonia.

Lo stato del Para, nel cuore dell’Amazzonia, ha il 46,8 per cento del territorio deforestato, seguito dagli stati del Mato Grosso (15,9 per cento) e dell’Amazzonia (13,7 per cento). Mourao ha detto che il 45 per cento della deforestazione è avvenuta su proprietà private e un altro 30 per cento su terreni pubblici, «terreni che non sono stati forniti a nessuno» che non sono aree di conservazione, aree indigene o in mano a singoli individui.

«Questo è il nostro grande problema (…) Continueremo il nostro lavoro fino a quando la deforestazione non sarà inferiore a quanto stabilito dalle nostre leggi», ha detto. Il Brasile si è impegnato nell’Accordo sul clima di Parigi, dal quale Bolsonaro ha minacciato di ritirarsi, a ridurre a zero la deforestazione illegale entro il 2030. Il vicepresidente ha ammesso che quest’anno «hanno cominciato tardi, a maggio, con gli sforzi per combattere la criminalità in Amazzonia, ma ha aggiunto che a partire da quel momento era chiaro che la criminalità stava “calando”».

A maggio, il governo brasiliano ha lanciato l’operazione “Green Brazil II” coordinata dalle forze armate per perseguire le persone che commettono crimini ambientali in Amazzonia e attualmente 3.400 uomini dell’esercito stanno partecipando allo sforzo, che è stato prorogato fino all’aprile 2021, anche se non si è ancora vista una drastica riduzione della deforestazione.

La deforestazione è strettamente correlata agli incendi in Amazzonia, che anche quest’anno sono aumentati e finora sono stati 99.586, molto più degli 89.176 incendi registrati per tutto il 2019, quando le immagini delle fiamme infuriate si sono diffuse in tutto il mondo, galvanizzando molte organizzazioni e governi a lamentarsi che il Brasile non stava facendo abbastanza per preservare il “polmone verde” del pianeta.

La situazione quest’anno è peggiorata a causa di una grave siccità nella regione. I rapporti delle organizzazioni ambientaliste identificano la deforestazione e gli incendi come parte di un processo in cui i proprietari terrieri liberano la terra per l’allevamento del bestiame e altre attività agricole, compreso il legname, e questo settore è uno di quelli che Bolsonaro vuole favorire ancora di più durante la sua presidenza.

Maddalena Ingroia