Primo trimestre 2014 in rosso per Brasilia

39

BRASILE – Brasilia 02/04/2014. La bilancia commerciale brasiliana di marzo ha registrato un surplus di 112 milioni con esportazioni pari a 17.628 milioni di dollari e importazioni pari a 17.516 milioni.

È stato il peggior risultato di marzo dal 2001, quando si registrò un deficit di 276,1 milioni di dollari;  mentre il deficit combinato per il primo trimestre dell’anno, 6,1 miliardi di dollari, è il peggior risultato da quando si è iniziato a registrare l’andamento nel 1994.

La notizia è stata annunciata il 1 aprile dal ministero dello Sviluppo, Industria e Commercio Estero brasiliano. Nel mese di marzo, le esportazioni in media a sono state pari a 927,8 milioni di dollari al giorno, in calo del 4% rispetto al marzo 2013, ma in aumento del 16,5% da febbraio 2014. Il calo delle esportazioni rispetto lo scorso anno è stato dovuto principalmente alle minori vendite di prodotti semilavorati (-19,6%) e di manufatti (-15,3%).

Le importazioni in media sono state pari a 921,9 milioni di dollari al giorno, in calo del 3,8% rispetto a marzo 2013 e a un + 2,1% da febbraio 2014. Rispetto al 2013, sono diminuite le importazioni di carburanti e lubrificanti. Secondo il comunicato le ragioni del declino sono dovute a prezzi più bassi e minori volumi di importazione di petrolio, oli combustibili, gas naturale, carbone e benzina. Le importazioni di beni capitali, cioè di prodotti utilizzati dall’industria, sono diminuite, come hanno fatto le importazioni di beni di consumo, tra cui elettrodomestici, bevande, tabacco, abbigliamento, mobili e automobili.

Le vendite verso la Cina, principale partner commerciale del Brasile sono salite del 22,8% e hanno raggiunto 4,557 miliardi di dollari, mentre le esportazioni verso gli Stati Uniti sono state pari a 1.888 miliardi con un’espansione del 11,8%. Le vendite verso l’Argentina, terzo partner commerciale del Brasile, si sono contratte del 10,9% a 1.183 miliardi di dollari, a causa dei minori acquisti di minerale di ferro, acciaio, attrezzature agricole, autoveicoli e parti di auto.

Infine, nei 12 mesi dal marzo 2013 fino al marzo 2014, il Brasile ha registrato un surplus di 1,2 miliardi, inferiore all’86% rispetto al precedente periodo di 12 mesi, ha detto il ministero.