BOLIVIA. Torna al governo il partito di Evo Morales

25

L’insediamento del presidente boliviano Luis Arce, domenica, significa il ritorno al potere del partito di Evo Morales Movimiento al Socialismo–Instrumento Político por la Soberanía de los Pueblos, Mas, dopo un anno in cui il Paese ha avuto un governo di transizione duramente criticato dal nuovo leader nel suo discorso di insediamento. Arce ha prestato giuramento in una cerimonia al Palazzo Legislativo di La Paz davanti a leader mondiali come il re di Spagna Felipe VI, i presidenti di Argentina, Colombia e Paraguay – Alberto Fernandez, Ivan Duque e Mario Abdo Benitez, rispettivamente – insieme a rappresentanti di altri Paesi delle Americhe, dell’Europa e dell’Asia.

L’uomo che è stato ministro dell’economia durante 12 dei quasi 14 anni in cui Morales è stato al potere ha prestato giuramento assieme al suo vice, membro del popolo Aymara, David Choquehuanca. Arce è stato eletto con il 55,1 per cento dei voti alle elezioni generali del 18 ottobre, che si sono svolte un anno dopo che il ballottaggio che aveva dato un quarto mandato consecutivo a Morales è stato annullato a causa di denunce di frode, denunce che l’ex leader nega, riporta Efe.

Il nuovo presidente nel suo discorso di insediamento si è scagliato contro il governo provvisorio di Jeanine Añez, che ha accusato di aver guidato un “governo golpista” e di aver calpestato la democrazia, seminando “morte, paura, discriminazione” e perseguendo i politici e i leader sindacali che sostenevano il Mas con gruppi “paramilitari”.

«Questo 8 novembre stiamo iniziando una nuova fase della nostra storia», ha detto Arce, che ha affermato di voler governare “a nome di tutti” e “ricostruire” il Paese per “vivere in pace” e “unità”.

Il tono che ha usato per riferirsi ai suoi detrattori contrastava con le sue affermazioni secondo cui egli governerà senza odio ma con giustizia. Arce ha menzionato tra le sue principali sfide la ripresa dell’economia del Paese, che ha avvertito che sta vivendo una profonda recessione non solo a causa della pandemia di coronavirus, ma anche per la cattiva gestione del governo uscente.

Choquehuanca è stato più conciliante nel suo discorso di insediamento, in cui ha esortato il Paese a recuperare le proprie radici culturali, a cercare un accordo con l’opposizione e a fare in modo che non ci siano più “abusi di potere”.

La cerimonia di inaugurazione è stata segnata dalla protesta del principale gruppo dell’opposizione nel Parlamento boliviano, la Comunidad Ciudadana dell’ex candidato presidenziale ed ex presidente Carlos Mesa, contro un cambiamento di regole all’interno della legislatura che egli sostiene favorisca il Mas e limiti l’attività dell’opposizione. Anche l’altro partito di opposizione con rappresentanza parlamentare, l’alleanza Creemos, non ha partecipato all’inaugurazione di Arce per protestare contro i cambiamenti legislativi.

Nelle recenti elezioni generali, il Mas è riuscito ad ottenere la maggioranza parlamentare, ma non è stato in grado di recuperare i due terzi del vantaggio di cui ha goduto durante le ultime due legislature. Dopo il giuramento, i sindacati dei lavoratori, dei popoli indigeni e dei contadini che sostengono il Mas, insieme alle forze armate, hanno sfilato in piazza Murillo, dove si trovano la sede del governo e il parlamento.

JeanineAñez ha detto di essersi ritirata nella sua casa in Bolivia, nella regione amazzonica, senza paura di difendersi dalle azioni legali di coloro che la “molestano” e senza che nessuno del suo gabinetto partecipasse alla cerimonia di La Paz.

Tommaso dal Passo