BITCOIN. Si allarga sempre più il mercato giapponese

145

Nonostante il crollo globale, il mercato giapponese dei crypto è ancora forte. Sei società quotate a Tokyo hanno annunciato l’intenzione di lanciare scambi criptati con altre 100 aziende giapponesi in attesa dell’approvazione delle domande di licenza.

Anche se si registra una continua tendenza al ribasso dei mercati delle monete crittografiche, l’industria giapponese delle monete digitali, in piena espansione, continua ad espandersi, con nuovi operatori e servizi.

Nel corso della scorsa settimana, la capitalizzazione globale del mercato cripto è scesa del 16%. Il calo non è stato provocato da nessuna crisi, ma si è trattato di un calo “fisiologico” di un mercato molto volubile e volatile. Ma i giapponesi non sembrano preoccupati, tutt’altro. Le autorità di regolamentazione nipponiche si stanno preparando per sei nuovi scambi di cripto approvati dal governo in un mercato già affollato di suo, riporta Asia Times. 

Le sei società sono già quotate alla Borsa di Tokyo e comprendono un popolare operatore di applicazioni di gestione del budget, un conglomerato di intrattenimento, una grande etichetta musicale e una società medica: Money Forward, Drecom, Yamane Medical Corporation, Adways, Avex e Daiwa Securities Group. Money Forward è notaio Giappone per un’applicazione di contabilità domestica che consente agli utenti di tenere traccia dei conti finanziari per i servizi bancari, carte di credito, portafoglio elettronico e punti. Drecom sviluppa e commercializza contenuti di intrattenimento per computer portatili e desktop; Yamane Medical Corporation opera nel settore dell’assistenza personale e infermieristica; 

Adways, società di mobile app marketing globale con sede a Tokyo, fornisce strumenti per il monitoraggio degli annunci e una rete di annunci; Avex è una delle più grandi etichette musicali del Giappone e di intrattenimento.

Bitbank, uno dei 16 scambi di cripto con licenza completa in Giappone, manterrà i fondi prestati per 12 mesi e offrirà fino al 5% all’anno. Si prevede di espanderlo per fornire un servizio simile per Ethereum, Ripple, Bitcoin Cash, Litecoin e Monacoin. 

Altre otto borse sono attualmente all’esame della Fsa giapponese e oltre 100 società sono in lista d’attesa per la licenza.

Graziella Giangiulio