BITCOIN. L’Intelligence Usa cerca analisti per la de-dollarizzazione globale e l’uso di criptomonete

119

L’ufficio del Director of National Intelligence ha messo un annuncio di lavoro: sta cercando un ricercatore per valutare l’impatto della sostituzione del dollaro come valuta di riserva mondiale, sull’economia e sulla sicurezza nazionale. «Ci sono molti vantaggi per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti ad avere il dollaro come valuta di riserva mondiale. Qualsiasi transazione internazionale regolata in dollari conferisce agli Stati Uniti la giurisdizione sui crimini finanziari associati a tali transazioni (…) Inoltre, gli Stati Uniti sono in grado di applicare sanzioni efficaci contro o designare entità che violano le leggi o i trattati internazionali o che hanno il potenziale di causare instabilità finanziaria nei mercati globali”», ha riferito Bitcoin.com.

«Ci sono molte minacce per il dollaro nel mantenere il suo status di valuta di riserva mondiale. Paesi come la Cina e l’India hanno grandi economie in crescita che potrebbero competere con la crescita economica degli Stati Uniti (…) Molti appassionati di criptovaluta prevedono che una criptovaluta globale o una valuta digitale nazionale potrebbe minare il dollaro (…) Gli Stati Uniti dovrebbero prepararsi a scenari che minacciano di minare il dollaro come valuta di riserva mondiale e determinare come tali scenari potrebbero essere superati, proteggendo il nostro status nell’economia globale», prosegue lanosa dell’annuncio del Dni.

Ma non basta: facendo riferimento alle minacce geopolitiche presunti Cina e India: «Se uno di questi scenari o altri si realizzassero, gli Stati Uniti perderebbero sia il loro status nel mondo che le loro autorità globale (…) Gli Stati Uniti dovrebbero prepararsi a identificare potenziali eventi “cigni neri” che potrebbero rivoluzionare il campo finanziario in modi che ancora non comprendiamo – presentando una sorpresa strategica – e comprendere le cause alla radice e i fattori trainanti che sono particolarmente sensibili a certi eventi globali o tecnici».

Il lavoro proposto si concretizza in un programma di borse di studio per la ricerca post-dottorato della comunità di intelligence degli Stati Uniti attraverso l’Oak Ridge Institute for Science and Technology del Dipartimento dell’Energia.

L’Intelligence Community è una coalizione di 17 agenzie e organizzazioni, tra cui la Central Intelligence Agency, Cia, il Department of Homeland Security, Dhs, la Drug Enforcement Administration, Dea, il Federal Bureau of Investigation, Fbi e la National Security Agency, Nsa, riporta Asia Times.

Lucia Giannini