BITCOIN. Crypto quotati al NASDAQ

204

Coinbase, il più grande scambio di criptovalute degli Stati Uniti, ha presentato la richiesta di quotarsi al Nasdaq giovedì 25 febbraio. Lo scambio ha fatto un profitto l’anno scorso e potrebbe essere in grado di quotarsi ad un valore vicino ai 100 miliardi di dollari, soprattutto se la recente impennata del valore del bitcoin continuasse.

Coinbase ha fatto delle riforme per ottenere l’approvazione della Us Securities and Exchange Commission, Sec, per una quotazione che rappresenterebbe un punto di riferimento per il trading di criptovalute. Coinbase ha notato che non ha ricevuto l’approvazione dalle autorità di regolamentazione per scambiare criptovalute che sono state classificate come titoli negli Stati Uniti. Mentre il bitcoin è considerato una commodity dai regolatori statunitensi, la maggior parte delle altre criptovalute devono ancora essere classificate come commodity o titoli.

A dicembre, Coinbase ha chiuso il trading della criptovaluta Ripple, dopo che la Sec ha accusato la società di blockchain associata a Ripple di voler condurre un’offerta di titoli non registrata. Bitcoin ha chiuso il 2020 con un aumento di oltre il 300% e all’inizio di questo mese ha raggiunto un massimo storico di 58.354 dollari con un valore di mercato superiore a 1.000 miliardi di dollari.

Bitcoin è sceso dai suoi massimi da allora, mentre gli investitori si preoccupavano del ritmo del rally e a seguito di un tweet del fondatore di Tesla Elon Musk che diceva che il recente aumento potrebbe essere stato esagerato.

Coinbase nel 2020 ha registrato entrate totali di 1,3 miliardi di dollari, rispetto ai 533,7 milioni di dollari del 2019. Ha riportato un utile netto di 322,3 milioni di dollari, da una perdita dell’anno precedente di 30,4 milioni di dollari.

Coinbase, che è stata valutata a più di 8 miliardi di dollari nel suo ultimo round di raccolta fondi privato nel 2018, non ha rivelato la data in cui prevede di quotare le azioni sul Nasdaq. Non ha anche rivelato il prezzo al quale le sue azioni sono state scambiate di recente nei mercati privati. Questo servirà come punto di riferimento per i prezzi quando sarà quotata al Nasdaq.

I recenti scambi sui mercati privati sono stati, secondo quanto riferito, a livelli abbastanza alti da giustificare un eventuale valore di 100 miliardi di dollari per la società. Coinbase sta evitando una tradizionale offerta pubblica iniziale in cui una società raccoglie denaro vendendo nuove azioni, optando invece per andare in pubblico attraverso una quotazione diretta in cui non vengono vendute nuove azioni e gli azionisti esistenti possono vendere azioni.

È tra le piattaforme di criptovaluta più conosciute a livello globale, con più di 43 milioni di utenti in più di 100 paesi. Coinbase ha annunciato a dicembre di aver fatto domanda confidenziale alla SEC per diventare pubblica.

Maddalena Ingrao