Biocarburante per gli aerei cinesi

42

CINA – Pechino. 25/4/13. China Eastern Airlines ha completato con successo il suo primo volo di prova di un aereo alimentato da biocarburante.

La società prevederà sin da ora a introdurre biocarburanti per i voli commerciali per ridurre le emissioni di carbonio, anche se al momento non ha stilato un calendario dei voli.  Sembra una trovata pubblicitaria, ma di certo è interessante lo sviluppo di questa iniziativa che permettererebbe agli aerei di volare inquinando meno.  «Aeromobili Biofuel renderno i nostri voli più rispettosi dell’ambiente», ha detto il capitano Liu Zhimin, che ha pilotato il volo ecologico.
Il veicolo che ha utilizzato biocarburante proveniente dall’olio di palma prodotto dalla China Petroleum and Chemical Corp, o Sinopec, il più grande raffinatore di petrolio in Asia, ha volato per 85 minuti dopo il decollo da Shanghai Hongqiao International Airport. Liu ha detto che ha effettuato diverse manovre estreme ma non ha trovato nessuna differenza significativa tra il biocarburante Sinopec e il carburante utilizzato normalmente Il serbatoio del motore di sinistra era alimentato dal solito carburante per permettergli un confronto. «Le prestazioni del biocarburante durante il decollo erano buone» ha aggiunto il pilota.
Sinopec è la prima azienda in Cina che possiede la tecnologia per trasformare  l’olio di palma e olio utilizzato in cucina in biocarburante per i jet.
«Abbiamo sviluppato due tipi di biocarburanti, da olio di palma e da olio da cucina usato, e il carburante che abbiamo usato durante questo volo era prodotto dell’olio di palma» ha riferito Huang Zhongwen, vice direttore di pubblicità per Sinopec Zhenhai Refining e Chemical Co., al China Daily.
«Abbiamo la possibilità di trasformare l’olio da cucina usato in carburante, anche se il costo sarà più alto rispetto alla produzione del normale carburante», ha detto, senza fornire specifiche sulla differenza dei costi. L’olio da cucina usato viene smaltito in modo illecito in Cina, ma con queste innovazioni tecnologiche si possono togliere dalla circolazione sostanze cancerogene, è pericoloso per la salute umana e trasformarle in carburante».