BIELORUSSIA. Ripresi i collegamenti ferroviari con Mosca, sospesi per la Pandemia

132

La Russia riprenderà il servizio ferroviario con la Bielorussia dopo uno stop di mesi imposto a causa della pandemia di coronavirus. Le ferrovie russe hanno detto l’8 febbraio che un treno delle ferrovie bielorusse è partito verso Mosca nel corso della giornata e ha raggiunto la capitale russa nella mattina del 9 febbraio.

Nella serata del 9 febbraio, lo stesso treno lascerà Mosca per fare ritorno a a Minsk il giorno dopo, hanno detto le ferrovie russe in un comunicato, ripreso da Rferl. Il treno farà delle fermate nelle città russe di Smolensk e Vyazma.

La dichiarazione delle ferrovie russe ha aggiunto che a partire dal 9 febbraio, un altro treno con servizio giornaliero tra Mosca e l’exclave russa di Kaliningrad, che si trova tra Polonia e Lituania, riprenderà le fermate a Minsk. Secondo le ferrovie russe, ulteriori treni che collegano la Russia e la Bielorussia saranno annunciati in un secondo momento.

Il primo Ministro russo Mikhail Mishustin ha firmato la settimana scorsa dei decreti sulla ripresa e l’aumento dei collegamenti ferroviari e aerei con la Bielorussia e altre tre ex repubbliche sovietiche. Secondo i decreti, il numero di voli tra Mosca e Minsk sarà aumentato da tre a cinque a settimana, e riprenderanno i voli settimanali da Rostov-on-Don e San Pietroburgo a Minsk.

I decreti hanno anche detto che a partire dall’8 febbraio, il numero di voli da Mosca alla capitale del Kirghizistan, Bishkek, sarà aumentato da uno a tre alla settimana.

Mishustin ha anche firmato un decreto che riprende due voli da Mosca all’Azerbaigian e quattro voli settimanali dalla capitale russa all’Armenia a partire dal 15 febbraio.

La Russia è il partner più grande e più importante per la Bielorussia sia in campo politico che economico. Il trattato sull’uguaglianza dei diritti dei cittadini tra la Bielorussia e la Russia è stato firmato nel dicembre 1998 e riguarda l’occupazione, l’accesso alle cure mediche e all’istruzione.

Le relazioni tra i due paesi sono tornate salde dopo le elezioni presidenziali del 2020 e lo scoppio di proteste, Lukashenko ha accennato alla fine di agosto che la Bielorussia avrebbe negoziato il rifinanziamento del suo debito statale per un valore di 1 miliardo di dollari con la Russia. Mentre il 14 settembre, Lukashenko ha incontrato Putin a Sochi, e il presidente russo ha promesso un prestito di 1,5 miliardi di dollari alla Bielorussia.

Anna Lotti