BIELORUSSIA. Lukashenko deve un grande annuncio: Minsk si fonde con Mosca?

681

Il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko ha annunciato una decisione importante per il paese lo scorso 17 aprile: «Nel prossimo futuro, ho preso una decisione, la formalizzeremo ora, la annuncerò. Sarà una delle mie principali decisioni per un quarto di secolo di presidenza. Sarà molto seria. Pertanto, anche se io non ci sarò, nel detto popolare “solo attraverso il mio cadavere” e così via, non ci riusciranno. Ho preso una decisione. Ora ho bisogno di formalizzarla», ha detto Lukashenko in una dichiarazione pubblicata sul canale statale Pul Pervyi Telegram.

Lukashenko ha anche notato che, molto probabilmente, questa decisione sarà presa come un decreto, ma non ha dato dettagli sulla natura dell’imminente annuncio. L’annuncio arriva in una settimana in cui il presidente russo Vladimir Putin deve fare il suo discorso sullo stato della nazione al popolo russo.

Ad alimentare la speculazione che potrebbe trattarsi della “fusione” dei due stati è stata una serie di incontri non solo tra Putin e Lukashenko, ma anche della maggior parte del gabinetto russo nell’ultimo anno, da quando Lukashenko è stato rieletto nelle presidenziali del 9 agosto 2020. La Russia e la Bielorussia hanno preparato le basi per una fusione con l’accordo dell’Unione degli Stati firmato nel 1999 che ha gettato le basi per un accordo simile alla zona del rublo che avrebbe portato i due paesi molto più vicini.

Da allora c’è stato un sacco di inspiegabile andirivieni tra Mosca e Minsk da parte della maggior parte del gabinetto russo, a partire da un viaggio annunciato dal primo Ministro Mikhail Mishustin e la maggior parte del suo gabinetto a settembre per colloqui, anche se nessun dettaglio sui temi in discussione è maio trapelato, afferma Bne Intelligence.

Lukashenko ha anche notato che in Bielorussia è fallito un tentativo di organizzare prima una ribellione e poi un colpo di stato: il Servizio di Sicurezza Federale russo, Fsb, ha appoggiato i commenti di Lukashenko, dicendo di aver arrestato il politologo bielorusso Alexander Feduta e l’avvocato americano di origine bielorussa Yuri Zenkovich a Mosca in relazione a un presunto colpo di stato militare in Bielorussia e all’attentato alla vita di Lukashenko.

“Il Servizio di Sicurezza Federale della Federazione Russa, insieme al Comitato di Sicurezza dello Stato della Repubblica di Bielorussia, come risultato di un’operazione speciale, ha soppresso le attività illegali di Yuri Leonidovich Zyankovich, che ha la doppia cittadinanza degli Stati Uniti e della Repubblica di Bielorussia, e Alexander Iosifovich Feduta, cittadino della Repubblica di Bielorussia, che stavano progettando un colpo di stato militare in Bielorussia secondo uno scenario ben sviluppato di “rivoluzioni di colore ” con il coinvolgimento di nazionalisti locali e ucraini, così come l’eliminazione fisica del presidente A. Lukashenko”, ha detto l’FSB in un comunicato.

L'”obiettivo finale” era “cambiare l’ordine costituzionale con l’abolizione della presidenza e l’imposizione della leadership del paese al Comitato di riconciliazione nazionale”.

L’Fsb ha detto che dopo aver documentato l’incontro, i cospiratori sono stati arrestati e consegnati ai loro partner bielorussi.

Commentando il complotto, Lukashenko ha detto: «Abbiamo scoperto il lavoro di servizi segreti chiaramente stranieri, molto probabilmente la Central Intelligence Agency, l’Fbi non so quale degli americani lavorasse lì. Abbiamo scoperto il loro desiderio di venire a Minsk e iniziare a organizzare un attentato alla vita del presidente», riporta naviny.online.

Anna Lotti