BIELORUSSIA. La difficile vita del potassio bielorusso

189

Per tutto il 2021, così come nel 2022, l’industria bielorussa del potassio ha subito una serie di colpi pesanti. L’anno scorso, l’Ue e gli Stati Uniti hanno imposto pesanti sanzioni sulle esportazioni di potassio bielorusso; l’Ue ha vietato diversi codici prodotto per il potassio bielorusso esportato nei paesi dell’Ue. Gli Stati Uniti, da parte loro, hanno completamente vietato il commercio con diverse grandi compagnie bielorusse di potassio.

La Lituania era in prima linea nell’applicazione delle sanzioni, dato che la maggior parte delle esportazioni di potassio bielorusso passava attraverso il suo porto di Klaipeda; Vilnius è anche uno dei più forti avversari politici del regime bielorusso sulla scena internazionale. Tuttavia, non c’era un modo facile per le ferrovie lituane di fermare il transito del potassio bielorusso e aderire alle sanzioni statunitensi, dato che aveva già firmato un contratto fino al 2023 con il gigante bielorusso del potassio Belaruskali. Il governo lituano ha risolto il problema rompendo il contratto, citando preoccupazioni di sicurezza nazionale e rifiutando anche i tentativi di altre aziende bielorusse di firmare un nuovo contratto, riporta BneIntellinews.

Il 15 febbraio è arrivata la notizia che l’Ucraina ha vietato il transito di potassio bielorusso attraverso i suoi porti e la sua vendita al grande settore agricolo ucraino. Tuttavia, vale la pena notare che le restrizioni commerciali ucraine per il potassio bielorusso si applicano solo ai prodotti venduti da Belaruskali o Belarusian Potash Company. Dalla formulazione delle restrizioni, sembra quindi che queste compagnie possano risolvere il problema stabilendo delle filiali che possano avere accesso al mercato ucraino e ai suoi porti. Tuttavia, questo complica gravemente le cose per l’industria potassica bielorussa, una delle più importanti fonti di reddito in valuta estera del paese.

L’unica opzione di Belaruskali sembra essere il commercio attraverso i porti russi. Tuttavia, né questi porti né le vie di trasporto dalla Bielorussia verso di essi hanno la capacità di gestire le grandi quantità di potassio della Bielorussia. Inoltre, questi sono già pieni di prodotti di esportazione russi. Se Belaruskali vuole una fetta della torta, dovrà investire somme enormi nello sviluppo delle capacità portuali russe o stringere qualche tipo di accordo con le compagnie russe, il che rende Belaruskali vulnerabile agli interessi commerciali russi.

Minsk si è quindi rivolta alla Cina, che è il suo tradizionale partner principale per bilanciare la dipendenza russa. Solo questo mese, il presidente Xi Jinping ha lodato due volte la cooperazione bilaterale tra i paesi in onore del XXX anniversario dello stabilimento delle relazioni diplomatiche. La Bielorussia a sua volta ha fatto diversi annunci pubblici lodando lo sviluppo delle relazioni bilaterali dei paesi, soprattutto nel commercio e negli investimenti, che è l’obiettivo principale del regime bielorusso.

Tuttavia, i benefici reali della cooperazione cinese-bielorussa sono discutibili, poiché la Bielorussia ha un immenso deficit commerciale con la Cina. Precedenti grandi investimenti cinesi in Bielorussia si sono anche rivelati deludenti per il regime bielorusso. L’anno scorso il peggioramento delle relazioni tra la Bielorussia e l’Occidente è stato anche una preoccupazione per gli investitori cinesi, e nessun nuovo grande prestito è stato concesso alla Bielorussia dalle banche cinesi.

Durante la crisi dei migranti dell’anno scorso al confine tra Bielorussia e Polonia, ci sono state dichiarazioni da entrambe le parti di chiudere completamente le rotte commerciali tra i paesi. Inoltre, i media bielorussi statali hanno recentemente riferito che più di 5.000 camion sono in attesa di passare dalla Bielorussia alla Lituania. Per tutto l’anno scorso, Minsk ha accusato Vilnius di rallentare deliberatamente le principali vie di trasporto dei camion tra i paesi per motivi politici.

Anna Lotti