BIELORUSSIA. Aumenta la repressione del regime di Lukashenko

0

Negli ultimi due mesi, il regime di Minsk ha effettuato un numero significativo di arresti ed emesso sentenze e in molti altri modi ha rafforzato il controllo politico nel Paese. Questi eventi si verificano mentre il presidente bielorusso Alexander Lukashenko sta evidentemente intensificando il suo ruolo di alleato di Putin nell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Minsk non rimane quindi inattiva mentre l’opposizione in esilio lavora per ottenere ulteriore legittimità politica, riporta BneIntelliNews. Forse anche l’uomo forte bielorusso e i suoi più stretti confidenti ritengono necessario un aumento delle repressioni se intendono procedere con quella che sospettano sarà una decisione largamente impopolare.

Quest’anno, l’opposizione in esilio ha cercato di consolidare le proprie forze e di aumentare la cooperazione con i governi occidentali e con l’Ucraina. L’ufficio della leader dell’opposizione in esilio Svetlana Tikhanovskaya ha lavorato duramente per assicurare che i diritti dei bielorussi in fuga dalle repressioni politiche siano considerati all’estero.

La restante opposizione nazionale ha organizzato proteste contro la guerra a febbraio, che sono state immediatamente e brutalmente chiuse dalle forze di sicurezza bielorusse, con oltre 800 arresti in un paio di giorni. In primavera, tuttavia, un gruppo di persone che si faceva chiamare “Partigiani delle ferrovie” ha sabotato il sistema ferroviario bielorusso, causando seri problemi ai trasporti militari russi verso l’Ucraina.

Un tribunale della regione bielorussa di Grodno ha recentemente condannato diversi partigiani ferroviari a pene detentive che vanno dai 2,5 ai 25 anni. Alcuni degli imputati sono stati condannati con l’accusa di “terrorismo”, “appartenenza a un’organizzazione criminale”, “contrabbando” e “tradimento”.

Oltre a dare la caccia agli attivisti contro la guerra in Bielorussia, il regime di Minsk ha continuato ad arrestare e condannare altre persone dell’opposizione a lunghe pene detentive per presunti reati commessi due anni fa.

A ottobre, il regime bielorusso ha avviato nuovi procedimenti giudiziari contro Tikhanovskaya e diversi altri esponenti di spicco dell’opposizione. Sono stati accusati, tra l’altro, di “partecipazione a rivolte di massa, incitamento all’odio sociale, cospirazione per la presa del potere e fondazione di organizzazioni estremiste”. Pochi giorni dopo, la Bielorussia ha aggiunto 625 persone a una lista di “estremisti”. Con questo elenco, la lista nera del Ministero degli Affari interni bielorusso ha raggiunto un totale di 1.469 persone.

Con la maggior parte della società civile e dell’opposizione politica sostanzialmente sradicata, il governo bielorusso ha deciso di creare un nuovo quadro giuridico per la creazione di organizzazioni della società civile sanzionate dallo Stato. A fine agosto, Lukashenko, insieme all’amministrazione presidenziale, ha presentato i contorni di una bozza di legge per questo nuovo quadro giuridico.

Secondo l’amministrazione presidenziale, tutte le nuove organizzazioni della società civile saranno costrette a lavorare a stretto contatto con le autorità statali bielorusse, che garantiranno che operino con “responsabilità sociale”.

Inoltre, tutti i partiti politici di nuova costituzione dovranno soddisfare i requisiti stabiliti dal “Congresso del popolo bielorusso”. Il Congresso comprende funzionari statali, organizzazioni e persone fedeli al regime. Tuttavia, la partecipazione di questi partiti alle elezioni pubbliche e l’ingresso in Parlamento non sono mai stati menzionati da Lukashenko o dall’amministrazione presidenziale. Invece, i partiti di nuova formazione potranno entrare a far parte del Congresso popolare bielorusso se ne rispetteranno i requisiti. Attualmente solo quattro organizzazioni fedeli al regime soddisfano i criteri proposti.

Parallelamente agli innumerevoli arresti, alle condanne, ai procedimenti giudiziari avviati contro esponenti dell’opposizione e alle aggiunte alla lista degli “estremisti”, a fine ottobre i funzionari statali bielorussi hanno preso in considerazione anche un “disegno di legge sull’amnistia”.

Il disegno di legge propone di consentire l’amnistia in occasione della “Giornata dell’Unità” della Bielorussia, introdotta da Lukashenko lo scorso anno e che si tiene il 17 settembre. Secondo il presidente del Parlamento bielorusso, questa legge dovrebbe riguardare circa 8.000 persone. Anche se non tutte queste persone saranno certamente rilasciate, è probabile che si tratti di un tentativo da parte del regime di aprire alla grazia dei prigionieri politici senza perdere la faccia.

Anna Lotti