Biden perdona l’uso “semplice” di marijuana. L’industria del settore festeggia

0

Biden perdona tutti i condannati in base alle leggi federali sul “semplice” possesso di marijuana. Lo ha annunciato ai microfoni. Affermando anche che il sistema attuale “non ha senso” e facendo impennare i titoli della marijuana. La grazia si applica solo a coloro che sono stati condannati per reati a livello federale e nel Distretto di Columbia, a Washington. Biden ha esortato i governatori di tutto il Paese a seguire l’esempio. «Così come nessuno dovrebbe trovarsi in una prigione federale solo per possesso di marijuana, nessuno dovrebbe trovarsi in una prigione statale per questo motivo», ha dichiarato Biden in un comunicato.

La grazia è stata applicata a più di 6.500 persone (e ad altre 1.000 a Washington) precedentemente condannate per “semplice” (quando non ci sono altre violazioni della legge) possesso di marijuana.

La grazia non si applicherà agli immigrati e agli stranieri privi di documenti. Biden ha anche incaricato il segretario alla Sanità e il procuratore generale di rivedere la classificazione della marijuana nelle leggi federali sulle droghe. Secondo il presidente, ora viene trattata alla stregua di «eroina, LSD e altre droghe pesanti». «Non ha alcun senso», ha detto.

Gli arresti per possesso di marijuana rappresentano il 40-50% di tutti gli arresti per possesso di droga. «Troppe vite sono state stravolte a causa del nostro approccio fallimentare alla marijuana. È ora di rimediare a questi errori», ha detto Biden.

Dopo l’annuncio di Biden di graziare tutti i condannati per possesso di marijuana, le azioni della cannabis negli Stati Uniti sono aumentate in media del 20%. Le aziende produttrici di cannabis Tilray Brands e Canopy Growth hanno avuto un’impennata con la notizia, guadagnando rispettivamente il 30% e il 22% nelle contrattazioni pomeridiane. Alla chiusura di giovedì, tuttavia, ogni azione era ancora quotata meno di 4 dollari per azione.

Oltre alla grazia, Biden ha annunciato di aver incaricato il Segretario alla Salute e ai Servizi Umani Xavier Becerra e il Procuratore Generale Merrick Garland di iniziare a rivedere il modo in cui la marijuana è classificata dalle leggi federali sulle droghe. Biden ha fatto notare che la marijuana è attualmente una sostanza di cui alla Tabella 1 delle linee guida federali per le condanne per droga, «come l’eroina e l’LSD – e più grave del fentanyl», ha detto.

Al di là di Washington, la notizia di giovedì rappresenta un’importante vittoria per la nascente industria della marijuana del Paese, che ha faticato a ottenere l’accesso ai principali mercati finanziari a causa delle disparità presenti nel mosaico di leggi statali che regolano il possesso di marijuana. «Oggi l’Amministrazione ha intrapreso un’azione che stavamo aspettando: il riconoscimento che il proibizionismo della cannabis ha fallito e che troppe vite sono state colpite in modo significativo», ha dichiarato David Culver, vicepresidente delle relazioni governative della Canopy Growth alla CNBC statunitense.

Lucia Giannini