Putin: ho ricevuto due lettere da Berezovsky

94

RUSSIA – Mosca. 25/4/13. Vladimir Putin in diretta televisiva, conferenza organizzata come ogni anno per rispondere alle domande degli elettori, ha confermato che Boris Berezovsky (apparentemente morto suicida a Londra) gli ha scritto due lettere personali in cui chiedeva perdono e il diritto di tornare a casa.

Putin ha detto che un partner commerciale russo ha consegnato la prima lettera scritta a mano nel mese di febbraio, mentre un partner straniero consegnato la seconda lettera scritta a mano, pochi giorni prima del ritrovamento del cadavere di Berezovsky nella sua villa Berkshire. Entrambe le lettere, ha sostenuto Putin, avevano il medesimo contenuto.
«Ha scritto di aver fatto molti errori e ha chiesto di essere perdonato e chiedeva di tornare in patria», ha detto Putin, aggiungendo che le lettere erano «abbastanza personali» e che lui non ha risposto. Putin ha negato che ci sono stati “tutti gli elementi dello stalinismo” in Russia, ma ha avvertito che c’era bisogno di “ordine e disciplina” in Russia. Putin è apparso visibilmente innervosito quando gli viene chiesto dai moderatori circa le missive del suo ex pupillo, che fuggì in esilio nel 2001, dopo di che si ritrovò ad essere un “ricercato” in Russia. «Preferirei non parlare di questo, ma sarebbe un po’ scomodo evitare la domanda ora» ha detto.