Gli Scarafaggi dello Stato Islamico

48

REGNO UNITO – Londra 22/08/2014. È un dato pressoché acquisito che il boia di James Foley sarebbe un cittadino britannico, istruito.

L’assassino dovrebbe provenire dall’East End di Londra, e sarebbe il leader di un gruppo di militanti , tutti cittadini britannici, soprannominato “The Beatles” dai prigionieri.
Il presunto John è uno dei 500 cittadini britannici che combattono con i militanti dello Stato Islamico in Iraq e Siria ed l’obiettivo di una grande caccia all’uomo internazionale lanciata dagli Usa.
John, inoltre, dovrebbe essere uno dei responsabili del campo di detenzione degli ostaggi stranieri a Raqqa, in Siria, e sarebbe un uomo educato, un credente devoto, ed una persona intelligente, stando ai racconti di un ex prigioniero.
John, non è ovviamente il suo nome, si faceva chiamare così dai prigionieri, gira sempre con altri due militanti di origine britannica; questo gruppo è stato chiamato “The Beatles” dai prigionieri di Raqqa proprio per questo motivo.
L’intelligence britannica starebbe confrontando la voce del killer con quelle degli ex detenuti di Guantanamo Bay e di altri inglesi presunti combattenti dello Stato Islamico.
Anche l’accento con cui parla John è stato studiato: i linguisti lo hanno definito come “accento multiculturale inglese” tipico dell’East End di Londra. Si tratterebbe di un accento che dimostrerebbe il possesso di una lingua straniera come “sfondo”, ma che ricorda la multiculturalità londinese tipica dell’East End: una sorta di nuovo cockney.
Nel frattempo la polizia britannica ha ricevuto istruzioni di bloccare l’esposizione delle bandiere dello Stato Islamico e di arrestare chiunque diffonda pubblicazioni per il reclutamento di Isis / Isil.
Nel 2014, le autorità di frontiera inglesi hanno ritirato 23 passaporti e eseguito 69 arresti nel tentativo di fermare il flusso di combattenti in viaggio verso l’Iraq e la Siria. Il Regno Unito ospiterebbe circa 250 inglesi tornati da campi di battaglia del Medio Oriente. Le truppe britanniche, inoltre, potrebbero essere inviate a Baghdad per addestrare le forze irachene.