Basket kazako, mister italiano

52

KAZAKISTAN – Astana. 11\06\13. Per il Kazakistan, lo sport è sempre stato il modo giusto per rivendicare ambizioni ed orgoglio. Dopo aver ottenuto successi nel mondo sportivo del ciclismo e del pugilato, il Paese dell’Asia centrale cerca di raggiungere le vette con il basket. A caricare la squadra ed a renderla sempre più competitiva il nuovo allenatore italiano Matteo Boniciolli che con il suo carisma e la sua esperienza aiuterà la nazionale di basket del Kazakistan a raggiungere un enorme obiettivo: quello di prenotare un biglietto per il Fiba Basketball World Cup 2014.

Giocare una competizione sportiva internazionale è una novità per il team del Kazakistan.

Il primo passo per raggiungere la meta è stato qualificarsi al Fiba Asia Championship di questa estate, che si terrà a Manila nelle Filippine dal primo all’undici agosto, grazie ad una vittoria di 80-60 nel girone di qualificazione contro l’Uzbekistan. Dopo due stagioni convincenti con il BC Astana, il 51enne Boniciolli punta al Fiba Basket World Cup del prossimo anno in Spagna.

Il team dell’Asia centrale inizierà la dura preparazione atletica per il Fiba Asia Championship il 15 giugno a Trieste, città natale dello stesso Boniciolli , per poi spostarsi in Slovenia e Kazakistan e terminare l’allenamento nelle Filippine per la competizione.

Boniciolli verrà affiancato da due assistant coah di tutto rispetto:  Stefano Comuzzo, responsabile del settore giovanile della Pallacanestro Trieste e Germano d’Arcangeli, coach della Stella Azzura di Roma.

“Sono stato assistant coach di Boscia Tanjevic nel 1999, quando l’Italia ha vinto la medaglia d’oro all’EuroBasket ed è in quella occasione che ho scoperto quanto sia importante per un allenatore di una squadra nazionale avere affianco persone valide, competenti e con le quali capirsi al primo sguardo” afferma Boniciolli , che nel 2009 ha portato al successo la Virtus Bologna vincendo l’EuroChallange.

«Il Kazakistan ha potenziale, soprattutto perchè composto da grandi uomini e giocatori. Anton Ponomaryon , 25 anni e 2, 10 metri di altezza ha concluso una buona stagione con l’Astana. Un cestista di tutto rispetto è  Jerry Johnson, uomo di grande impegno, il suo entusiasmo potrebbe essere un fattore positivo e determinante per tutta la squadra» prosegue Boniciolli.

La guardia più promettente è il 19enne Maxim Marchuk, che viene apprezzato dal proprio allenatore per le sue doti atletiche. «Quando ho parlato con Valery Tikhonenko, responsabile della squadra nazionale, ho detto: se giochiamo il Fiba Basket World Cup, Marchuk dovrà essere pronto per un match-up contro LeBron James.  L’ambizione del Kazakistan è grande e tutti vogliono portare avanti questa sfida» ha aggiunto il coach.

A Manila, Cina ed Iran sembrano essere i principali avversari, ma Boniciolli non demorde e promette di offrire uno spettacolo indimenticabile: «Non nascondiamo il fatto di voler giocare la Coppa del Mondo Fiba. Abbiamo bisogno di prestanza, forma fisica,regole tattiche e motivazioni . Componenti che i giocatori del Kazakistan conoscono bene, vista la loro grande etica del lavoro».