BANGLADESH. Prosegue il trasferimento “volontario” dei Rohingya

39

Il Bangladesh è pronto a inviare altre centinaia di rifugiati musulmani rohingya in una controversa struttura su una remota isola del Golfo del Bengala, settimane dopo che ha iniziato la loro rimozione forzata dal confine con il Myanmar. Il governo invierà circa 1.000 rifugiati rohingya sull’isola di Bhasan Char nel Golfo del Bengala questo mese, hanno detto i funzionari domenica scorsa.

«Saranno trasferiti prima a Chittagong e poi a Bhasan Char, a seconda dell’alta marea», ha detto un portavoce del governo, riporta Press Tv. Il governo del Bangladesh ha costruito una rete di rifugi sull’isola per trasferire fino a 100.000 rifugiati che attualmente vivono nei campi di Cox Bazar, vicino al confine con il Myanmar.

All’inizio di questo mese, ha inviato più di 1600 rifugiati sull’isola remota, nonostante gli appelli dei gruppi per i diritti umani, che hanno definito il trasferimento come “coercitivo”.

Il responsabile governativo dei rifugiati, Mohammed Shamsud Douza, ha affermato che il trasferimento era volontario e che stavano trasferendo solo persone disposte ad andare: «Non saranno inviate contro la loro volontà», ha detto. Gli operatori umanitari, tuttavia, hanno detto che i funzionari hanno usato minacce e allettamenti per spingere le persone a lasciare Cox Bazar.

I rifugiati che sono stati trasferiti sono tra più di 730000 musulmani rohingya, che sono fuggiti da una campagna di repressione attuata nello stato di Rakhine in Myanmar. Migliaia di musulmani rohingya sono stati uccisi, feriti, arbitrariamente arrestati o violentati dai soldati del Myanmar e da gruppi buddisti, soprattutto tra il novembre 2016 e l’agosto 2017. I rohingya sono ampiamente considerati immigrati clandestini in Myanmar e viene loro negato il diritto di cittadinanza. Anche il Bangladesh rifiuta di concedere loro la cittadinanza.

Altri 1600 rifugiati sono stati trasportati verso Bhasan Char, agli  inizia di dicembre, un’isola soggetta a inondazioni nel Golfo del Bengala, riporta Reuters. Il Bangladesh dice che tutti coloro che sono stati trasferiti hanno dato il loro consenso. Ma i rifugiati di Rohingya in Bangladesh hanno detto alla Bbc, in ottobre di non voler essere trasferiti sull’isola.

I gruppi per i diritti umani hanno espresso la preoccupazione che molte autorità del Bangladesh hanno costruito sull’isola per tre anni, al costo di 350 milioni di dollari (270 milioni di sterline). Il loro obiettivo è quello di trasferire più di centomila rifugiati per allentare le tensioni all’interno dei campi all’interno del Bangladesh.

All’inizio di quest’anno, Amnesty International ha pubblicato un rapporto sulle condizioni di primi 306 rohingya che già vivevano sull’isola. Il rapporto conteneva accuse sulle condizioni di vita anguste e poco igieniche, cibo e strutture sanitarie limitate, mancanza di telefoni per consentire ai rifugiati di contattare le loro famiglie, nonché casi di molestie sessuali da parte dei militari e dei braccianti locali che effettuavano estorsioni.

Lucia Giannini