Unicredit limita i crediti in Crimea

67

UCRAINA – Kiev. 19/03/14. Secondo la testata Lenta Ru. UniCredit ha bloccato i limiti di credito sulle carte di Crimea. La filiale ucraina della UniCredit (Urksotsbank) ha bloccato temporaneamente il limite di credito dei clienti che sono serviti negli uffici di Crimea.

Questo è stato riportato nel comunicato stampa dell’istituzione finanziaria. «Questa decisione è dovuta ai recenti sviluppi politici e l’incertezza che deriva per le istituzioni finanziarie della penisola» ha spiegato in un comunicato stampa la società madre italiana.
Ukrsotsbank ha anche osservato che le restrizioni si applicano soltanto al credito entro i limiti, mentre è salva la possibilità di riscuotere quanto versato. L’organizzazione ha spiegato che i clienti hanno la possibilità di trasferire il servizio di conto della carta in un’altra regione. La banca Urksotsbank ha abbassa il limite di prelievo di contanti presso gli sportelli automatici di Crimea da 1000 a 500 grivna al giorno. Il servizio presso gli sportelli automatici di UniCredit permettono di incassare sulla penisola solo ai titolari di conto questo fino al chiarimento dei rapporti politico-istituzionali. In altre regioni d’Ucraina Urksotsbank continua il suo lavoro senza restrizioni. Alla fine di gennaio, l’Amministratore Delegato di UniCredit, Federico Ghizzoni, ha detto che la banca sta valutando la cessione del business ucraino, ma non si sa nulla sulle proposte specifiche. All’inizio di quest’anno, le attività di Ukrsots erano di 43 miliardi di grivna (quattro miliardi di dollari), del portafoglio crediti pari a 27 miliardi grivna. Debiti verso clientela nell’organizzazione superano il miliardo di dollari.