BANCA MONDIALE. Aumenta la povertà dei paesi già poveri

46

Stiamo assistendo ad una storica inversione di sviluppo, ha affermato lunedì la Banca Mondiale in un rapporto: metà dei 75 paesi più poveri del mondo stanno sperimentando per la prima volta in questo secolo un crescente divario di reddito con le economie più ricche.

Secondo il rapporto, ripreso usa Reuters, il differenziale tra la crescita del reddito pro capite nei paesi più poveri e in quelli più ricchi si è ampliato negli ultimi cinque anni.

“Per la prima volta vediamo che non c’è convergenza. Stanno diventando sempre più poveri”, ha detto a Reuters Ayhan Kose, vice capo economista della Banca Mondiale e uno degli autori del rapporto. “Stiamo assistendo ad una regressione strutturale molto seria, ad un’inversione di tendenza nel mondo… ecco perché stiamo suonando il campanello d’allarme”.

Il rapporto afferma che i 75 paesi che possono beneficiare di sovvenzioni e prestiti a tasso zero da parte dell’Associazione Internazionale per lo Sviluppo, Ida, della Banca Mondiale rischiano di perdere un decennio di sviluppo senza cambiamenti politici ambiziosi e significativi aiuti internazionali.

Kose ha affermato che la crescita in molti paesi Ida aveva già iniziato a diminuire prima della pandemia, ma sarebbe solo del 3,4% nel 2020-2024, il mezzo decennio di crescita più debole dall’inizio degli anni ’90. Anche l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, il cambiamento climatico, l’aumento della violenza e dei conflitti hanno pesato pesantemente sulle loro prospettive.

Più della metà di tutti i paesi Ida si trovano nell’Africa subsahariana; 14 sono nell’Asia orientale e otto in America Latina e nei Caraibi. Trentuno hanno un reddito pro capite inferiore a 1.315 dollari l’anno. Includono la Repubblica Democratica del Congo, l’Afghanistan e Haiti.

Un paese Ida su tre è più povero oggi che alla vigilia della pandemia. I paesi IDA rappresentano il 92% delle persone nel mondo che non hanno accesso a una quantità sufficiente di cibo nutriente e a prezzi accessibili. La metà dei paesi sono in difficoltà debitoria, il che significa che non sono in grado di onorare il debito o corrono un rischio elevato di non riuscirci.

E nonostante le loro popolazioni giovani – un vantaggio demografico in un’epoca in cui le popolazioni stavano invecchiando quasi ovunque, le ricche risorse naturali e l’abbondante potenziale di energia solare, i creditori privati e governativi si erano allontanati da loro.

La scorsa settimana il sottosegretario al Tesoro americano Jay Shambaugh ha espresso preoccupazione per il peggioramento della situazione, mettendo in guardia la Cina e altri creditori ufficiali emergenti dal parassitismo riducendo i prestiti ai paesi a basso reddito proprio mentre il Fmi o le banche multilaterali di sviluppo stavano riversando fondi.

Quasi 40 paesi hanno visto deflussi del debito pubblico estero nel 2022, e i flussi probabilmente sono peggiorati nel 2023, ha affermato.

Kose ha affermato che sono necessarie politiche ambiziose per accelerare gli investimenti, compresi gli sforzi interni per rafforzare le politiche fiscali, monetarie e finanziarie e riforme strutturali per migliorare l’istruzione e aumentare le entrate nazionali.

Anche un significativo sostegno finanziario da parte della comunità globale è essenziale per compiere progressi e ridurre il rischio di una stagnazione prolungata, ha affermato Kose, sottolineando che la Banca Mondiale spera di ottenere una solida ricostituzione dei fondi IDA entro dicembre.

Sarebbe cruciale anche un più forte coordinamento internazionale sui cambiamenti climatici, sulla ristrutturazione del debito e sulle misure a sostegno del commercio transfrontaliero.

La Banca Mondiale ha poi osservato che Cina, India e Corea del Sud, oggi grandi potenze economiche, un tempo erano tra i paesi più poveri del mondo, ma sono stati in grado di affrontare la povertà estrema e aumentare gli standard di vita.

Maddalena Ingrao

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/