Un fungo uccide l’agricoltura africana

72

CAMERUN-Yaoundé. 20/05/14. Apprensione per l’agricoltura africana. C’è un fungo patogeno che viene dall’Asia del Sud-Est rilevato sul continente che distrugge gli impianti di banane. Fonte Jeune Afrique.

A temere sono soprattutto gli agricoltori. Nel mese di aprile, i contadini del Mozambico hanno riferito che quasi 100.000 ettari di piantagioni sono stati decimati da un fungo che appassisce le piante e risponde al nome di ” Fusarium oxysporum f.sp. cubense” . La malattia di Panama o Fusarium ha raso al suolo nel Sud Est Asiatico le piante di banane per due decenni. Colpisce gli alberi e riduce la produzione, anche se i frutti sono commestibili.
Fin dalla sua prima apparizione in Africa, la Food and Agriculture Organization delle Nazioni Unite ( FAO) ha cercato di limitarne il suo sviluppo. Secondo Fazil Düsünceli , patologo vegetale la preoccupazione è ancora maggiore rispetto a quando il fungo cresce nel terreno perché può sopravvivere per decenni. Tecniche e fungicidi attualmente disponibili non permettono di controllare l’avanzata del fungo.
Lo stato di emergenza per ora è limitato alle banane. Una delle preoccupazioni è il potenziale impatto sulle esportazioni, in particolare la varietà per questo uso, il Cavendish, cresciuto in Africa occidentale, varietà più suscettibile di Fusarium . Ma alcuni scienziati relativizzano. Secondo Thierry Lescot , agronomo presso il Centro per la cooperazione internazionale in ricerca agronomica per lo sviluppo (CIRAD) e specialista in questo frutto , «il fatto che la malattia è arrivata in Africa non significa che interesserà i paesi africani e che l’offerta verso l’Europa diminuisca».

Stimato in oltre 32 milioni di tonnellate nel 2012 , la produzione di banane sub- sahariana pesa per un quarto della produzione mondiale (128 milioni di tonnellate) in modo particolare è leader nella produzione di banane dolci. Il Nord Africa il maggior prduttore è l’Egitto. Nel Continente si producono 5 milioni di tonnellate di Cavendish. Mentre tre sono i paesi esportatori verso l’Europa: Costa d’Avorio, Camerun e Ghana, che spediscono ogni anno circa 680 000 t, ovvero circa il 2 % della produzione africana.

CONDIVIDI
Articolo precedenteMalawi al voto
Articolo successivoSoldati azeri a scuola NATO