Sharifov: le prossime obbligazioni non saranno in euro

51

AZERBAIJAN – Baku. 10/06/14. L’agenzia Trend informa che l’Azerbaijan è pronto per un secondo mandato di immissioni di obbligazioni di stato.  Fonte: il ministro delle Finanze, Samir Sharifov.

 

«L’emissione, in fase di preparazione, non è prevista per quest’anno» ha detto, senza rivelare i dettagli. Allo stesso tempo, secondo il ministro, la moneta di emissione non sarà l’euro. 

Il 10 marzo scorso l’Azerbaijan ha posizionato degli Eurobond. Il volume di Placement è stato 1,25 miliardi dollari, scadenza – 10 anni. La domanda per l’alloggio ha superato il suo volume quadruplicato e ha attirato l’attenzione degli investitori da 160 paesi. Gli investitori provenienti dagli Stati Uniti hanno acquistai l amerà del valore disponibile. Investitori britannici hanno comprato obbligazioni il 25 per cento, gli investitori dalla Germania – 18 per cento, e il restante 10 per cento sono stati acquistati da compratori provenienti da altri paesi, tra cui Singapore e Israele. La resa è stata di 222 punti base (bps) a titoli del Tesoro USA (US Treasuries). Tra le opzioni del prestito obbligazionario la trasformazione del debito in RMB, in cui l’interesse per il mondo rimane alto. Queste ipotesi sono supportate dalla recente visita ufficiale del presidente Ilham Aliyev, in Cina. La volatilità della moneta cinese è molto bassa, il che rende logico l’accumulo di riserve della moneta battuta da Pechino. Allo stesso tempo, è necessario tener conto di fattori come un “tasso perfettamente fisso” dello yuan sul dollaro USA e le potenziali difficoltà di convertire grandi quantità di beni RMB nella gestione operativa delle riserve.