ISIS a 30 chilometri da Baghdad

38

IRAQ-Baghdad. 04/05/15. Un ufficiale dell’esercito iracheno ha detto ieri che ISIS è stato in grado di conquistare regioni importanti e ora si trova a meno di 30 km dal centro della capitale Baghdad e che molti sono pronti a seguirli. Fonte alkhaleejonline.net.

In forma anonima l’ufficiale ha dichiarato: «l’organizzazione Daash ha sequestrato una fabbrica irachena, e le aree attigue al ponte (Albotaah) parte del distretto di Abu Ghraib, in Baghdad aree cintura a ovest».
L’ufficiale ha spiegato che la presa delle aree è venuta dopo violente battaglie combattute con l’esercito e i cittadini più i combattenti sciiti. Secondo l’ufficiale ad aiutare ISIS nella conquista azioni di combattenti suicida che sono riusciti a penetrare all’interno delle forze di difesa dell’esercito regolare e le linee di difesa create spontaneamente dai cittadini. I mezzi esplosivi e uomini con cinture esplosive hanno costretto le truppe l’esercito e la folla a ritirarsi, e hanno permesso il progresso degli elementi dell’organizzazione.
Vi sarebbero ancora «battaglie in corso (anche a 00:40 GMT), aspettiamo il sostegno da Baghdad, per sostenere le forze militari e la folla popolare, per riprendere le aree sequestrate da Daash».
Egli ha sottolineato che «L’area caduta, è una grave minaccia per la capitale, Baghdad. Perché le restanti aree in direzione di Baghdad come mano (Khan Dhari la prigione di Abu Ghraib e dei martiri e Abu Mnaasir, sono tutte abitate dai sunniti che non hanno armi»
ISIS avrebbe rubato delle armi che appartenevano alle milizie sciite e alla brigata Muthanna appartenenti al Comando Baghdad Operations.
Nonostante la perdita da parte di ISIS di molte delle aree conquistate lo scorso anno, nelle province di Diyala (est), Ninive e Salahuddin (nord), l’organizzazione possiede la maggior parte delle città della provincia e delle regioni di Anbar (ovest), controllata da fin dall’inizio del 2014, e cerca di completare il suo controllo sul resto delle aree ancora sotto il controllo delle forze governative, in particolare la città di Ramadi, centro di Anbar. ISIS nel frattempo dice dia vere il controllo dal 60esima strada a Ramadi.