AZERBAIJAN. Non c’è Tsahal al confine con l’Iran

142

L’Azerbaigian il 4 ottobre ha negato le accuse di Teheran secondo cui l’esercito di Israele era nel paese del Caucaso, mentre si svolgevano le esercitazioni dell’esercito iraniano sul loro confine in comune. Le affermazioni iraniane sul nemico geopolitico di Israele arrivano dopo che la sua televisione di stato la scorsa settimana ha mostrato carri armati, obici ed elicotteri che sparavano su obiettivi nel nord-ovest del paese.

Israele è uno dei principali fornitori di armi all’Azerbaigian, che lo scorso autunno ha vinto la guerra durata sei settimane con la vicina Armenia sulla regione contesa del Nagorno-Karabakh. La portavoce del ministero degli Esteri dell’Azerbaigian, Leyla Abdullayeva, ha detto il 4 ottobre che le affermazioni dell’Iran sono infondate: «Respingiamo le accuse di presenza di terzi vicino al confine tra Azerbaigian e Iran, tali accuse sono totalmente infondate», ha detto, ripresa da Afp.

Il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev la scorsa settimana aveva criticato le manovre militari iraniani in un’intervista all’agenzia di stampa turca Anadolu, chiedendo «Perché ora, e perché sul nostro confine?».

Gerusalemme, riporta ToI, ha subito un attacco diplomatico dell’Armenia durante il conflitto dell’anno scorso tra i vicini del Caucaso. I combattimenti si sono conclusi con un cessate il fuoco mediato dalla Russia che ha visto Yerevan cedere fette di territori contesi, tra cui parte del Karabakh al confine di 700 chilometri dell’Azerbaigian con l’Iran.

L’Azerbaigian e l’Iran sono stati a lungo ai ferri corti per il sostegno di Teheran all’Armenia nel lungo conflitto del Karabakh. Le relazioni si sono recentemente inasprite ulteriormente dopo che l’esercito dell’Azerbaigian ha tenuto esercitazioni congiunte con la Turchia e il Pakistan, a 500 chilometri dal confine del paese con l’Iran.

Anche la decisione dell’Azerbaigian di imporre dazi doganali ai camionisti iraniani in transito verso l’Armenia ha alimentato le tensioni. Teheran è stata a lungo diffidente dei sentimenti separatisti tra gli azeri, che costituiscono circa 10 milioni degli 83 milioni di abitanti dell’Iran.

Antonio Albanese