Internet piace agli azerbaijani

46

AZERBAIJAN – Baku. 19/10/13. L’Azerbaijan è al primo posto tra i paesi della CSI, in termini di penetrazione di Internet tra gli utenti individuali.

A riferirlo un studio dello Stato sulla banda larga “Rapporto 2013”, pubblicato sul sito web della Telecommunication Union (ITU). Lo studio è stato preparato dalla Commissione a banda larga per lo sviluppo digitale creato dalla ITU e l’UNESCO, e contribuisce allo sviluppo digitale. Secondo lo studio, l’Azerbaigian si classifica 66 ° tra i 194 paesi per il numero di utenti internet individuali, al 54,2 per cento. Secondo questo indicatore, l’Azerbaigian è più avanti del Kazakistan, Russia, Bielorussia, Georgia , Moldavia, Armenia, Uzbekistan, Ucraina, Tagikistan e Turkmenistan.
L’indicatore della media mondiale di penetrazione di Internet tra gli utenti internet singoli in tutto il mondo è 35,7 per cento.
L’Azerbaigian si è classificato al 25esimo posto (tra i paesi in via di sviluppo), con un 54,2 per cento (media mondiale è pari al 27,5 per cento), in termini di penetrazione di Internet a banda larga tra i singoli utenti. Per questo indicatore, l’Azerbaigian si classifica primo tra i paesi della CSI .
L’Azerbaigian conquista il 24 °posto con il 46,8 per cento (tra i paesi in via di sviluppo) per la penetrazione di Internet a banda larga tra gli utenti domestici. Questo indicatore posiziona l’Azerbaigian al terzo posto tra i paesi della CSI dopo Kazakistan (52,6 per cento) e la Bielorussia (48,3 per cento). L’indicatore della media mondiale è pari al 24 per cento .
In termini di internet a banda larga fissa ogni 100 residenti di Azerbaigian è 13,8 per cento (52 ° posto). La media mondiale in questo segmento è di 9,1 per cento.
Per quanto riguarda il grado di penetrazione di telefonia mobile a banda larga, l’Azerbaigian classificato 50 °con il 33,3 per cento. Per questo indicatore, l’Azerbaigian è al secondo posto nella CSI, dopo la Russia, che detiene il 25 ° posto con il 52,9 per cento. La media mondiale in questo segmento è di 22,1 per cento.