Azerbaigian Youth Vision siglati 4 memorandum

55

Dott.ssa Daniela Conte dell'Associazione Giovani nel MondoITALIA – Roma. Si è conclusa la due giorni del Forum “Azerbaigian Youth Vision”, svoltosi per la prima volta in Italia, dopo Londra e Parigi e Dubai e che ha visto la partecipazione di 450 giovani azerbaigiani provenienti da tutto il mondo, studenti il cui percorso di studi all’estero viene finanziato da un programma del ministero del l’istruzione dopo essere stati approvati dalle università locali.

 

Molti i punti in agenda trattati, riassumibili in tre parole: gioventù, Asaif (come l’organizzazione che ha organizzato il meeting), Azerbaijan. Per quanto riguarda le relazioni tra Italia e Azerbaijan, queste continueranno a crescere, si e’ dichiarato da piu parti. Dal punto di vista economico cresce sia l’export che l’import. Dal punto di vista politico e culturale, molti i progetti comuni, tra cui eventi e mostre. Forte la cooperazione emersa  anche nei campi dello sport e della gioventù con collaborazioni tra associazioni giovanili. 

«Il settore più sviluppato è quello Oil & Gas – ha detto ieri in intervista Manuela Traldi, Presidente dell’istituto per il commercio italo-azerbaigiano – siamo i primi importatori di petrolio e l’interscambio tra Italia e Azerbaijan è di 8 milioni di euro l’anno. C’è poi da sviluppare sempre di più il settore non Oil, in particolare c’è molta attenzione in Azerbaijan per l’energia rinnovabile, per le infrastrutture, per l’agroalimentare e il turismo».

Firmati 4 Memorandum di collaborazione tra associazioni giovanili italiane e azerbaigiane: Aiesec Roma Sapienza (Alessio Colantoni) e Azerbaigian Student Youth Organization Union (Shahin Ismsylov), Associazione Giovanile Atom (Stefano Tacconi) e Azerbaigian Youth to Europe Organization (Gulsel Safarova), Giovani nel Mondo (Daniela Conte) e Ireli Public Union (Rauf Mardiyev), Msoi Roma (Jacopo Tomasina) e Azerbaigian Student Youth Organization Union (Shahin Ismsylov). 
I giovani torneranno nei loro luoghi di studio domani, e oggi pomeriggio conosceranno il luogo del prossimo Forum, che si svolgerà fra un anno e che dara’ nuovamente l’opportunità alla futura classe dirigenziale azerbaigiana di incontrarsi e confrontarsi.

Si conclude oggi la due giorni del Forum “Azerbaigian Youth Vision”, svoltosi per la prima volta in Italia e che ha visto la partecipazione di 450 giovani azerbaigiani provenienti da tutto il mondo, studenti il cui percorso di studi all’estero viene finanziato da un programma del ministero del l’istruzione dopo essere stati approvati dalle università locali.

Molti i punti in agenda trattati, riassumibili in tre parole: gioventù, Asaif (come l’organizzazione che ha organizzato il meeting), Azerbaijan. Per quanto riguarda le relazioni tra Italia e Azerbaijan, queste continueranno a crescere, si e’ dichiarato da piu parti. Dal punto di vista economico cresce sia l’export che l’import. Dal punto di vista politico e culturale, molti i progetti comuni, tra cui eventi e mostre. Forte la cooperazione emersa  anche nei campi dello sport e della gioventù con collaborazioni tra associazioni giovanili. 

“Il settore più sviluppato è quello Oil & Gas – ha detto ieri in intervista Manuela Traldi, Presidente dell’istituto per il commercio italo-azerbaigiano – siamo i primi importatori di petrolio e l’interscambio tra Italia e Azerbaijan è di 8 milioni di euro l’anno. C’è poi da sviluppare sempre di più il settore non Oil, in particolare c’è molta attenzione in Azerbaijan per l’energia rinnovabile, per le infrastrutture, per l’agroalimentare e il turismo”.

Firmati ieri anche 4 Memorandum di collaborazione tra associazioni giovanili italiane e azerbaigiane: Aiesec Roma Sapienza (Alessio Colantoni) e Azerbaigian Student Youth Organization Union (Shahin Ismsylov), Associazione Giovanile Atom (Stefano Tacconi) e Azerbaigian Youth to Europe Organization (Gulsel Safarova), Giovani nel Mondo (Daniela Conte) e Ireli Public Union (Rauf Mardiyev), Msoi Roma (Jacopo Tomasina) e Azerbaigian Student Youth Organization Union (Shahin Ismsylov). 
I giovani torneranno nei loro luoghi di studio domani, e oggi pomeriggio conosceranno il luogo del prossimo Forum, che si svolgerà fra un anno e che dara’ nuovamente l’opportunità alla futura classe dirigenziale azerbaigiana di incontrarsi e confrontarsi.

Si conclude oggi la due giorni del Forum “Azerbaigian Youth Vision”, svoltosi per la prima volta in Italia e che ha visto la partecipazione di 450 giovani azerbaigiani provenienti da tutto il mondo, studenti il cui percorso di studi all’estero viene finanziato da un programma del ministero del l’istruzione dopo essere stati approvati dalle università locali.

Molti i punti in agenda trattati, riassumibili in tre parole: gioventù, Asaif (come l’organizzazione che ha organizzato il meeting), Azerbaijan. Per quanto riguarda le relazioni tra Italia e Azerbaijan, queste continueranno a crescere, si e’ dichiarato da piu parti. Dal punto di vista economico cresce sia l’export che l’import. Dal punto di vista politico e culturale, molti i progetti comuni, tra cui eventi e mostre. Forte la cooperazione emersa  anche nei campi dello sport e della gioventù con collaborazioni tra associazioni giovanili. 

“Il settore più sviluppato è quello Oil & Gas – ha detto ieri in intervista Manuela Traldi, Presidente dell’istituto per il commercio italo-azerbaigiano – siamo i primi importatori di petrolio e l’interscambio tra Italia e Azerbaijan è di 8 milioni di euro l’anno. C’è poi da sviluppare sempre di più il settore non Oil, in particolare c’è molta attenzione in Azerbaijan per l’energia rinnovabile, per le infrastrutture, per l’agroalimentare e il turismo”.

Firmati ieri anche 4 Memorandum di collaborazione tra associazioni giovanili italiane e azerbaigiane: Aiesec Roma Sapienza (Alessio Colantoni) e Azerbaigian Student Youth Organization Union (Shahin Ismsylov), Associazione Giovanile Atom (Stefano Tacconi) e Azerbaigian Youth to Europe Organization (Gulsel Safarova), Giovani nel Mondo (Daniela Conte) e Ireli Public Union (Rauf Mardiyev), Msoi Roma (Jacopo Tomasina) e Azerbaigian Student Youth Organization Union (Shahin Ismsylov). 
I giovani torneranno nei loro luoghi di studio domani, e oggi pomeriggio conosceranno il luogo del prossimo Forum, che si svolgerà fra un anno e che dara’ nuovamente l’opportunità alla futura classe dirigenziale azerbaigiana di incontrarsi e confrontarsi.