Azerbaijan strategico per l’Europa

73

AZERBAIJAN – Baku. 30/04/15. «Per l’Europa, l’Azerbaigian è l’unica nuova fonte di gas naturale», a dirlo è stato il presidente azero Ilham Aliyev parlando in apertura del 3 ° Baku Global Shared Societies Forum che si è tenuto a Baku il 28 aprile. Fonte Trend.az.

Il presidente ha detto l’Azerbaigian sta svolgendo il suo ruolo importante nella diversificazione delle forniture energetiche. «Dopo 20 anni, c’è una nuova strategia in atto. Abbiamo collegato il Mar Caspio e il Mar Nero, Mar Mediterraneo da una più sistemi oleodotti. Oggi il petrolio dal Mar Caspio, non solo dall’Azerbaijan, ma anche dalle rive orientali del Mar Caspio, è diretto ai mercati internazionali». Cambia dunque la modalità di approvvigionamento del gas e dell’oro nero in Europa. Non solo gas russo dunque ma diversificato. L’Azerbaijan punta molto su questa nuova “strategia” al punto tale da far dire al presidente Aliyev che l’Azerbaijan «ha spere preso l’iniziativa ed è a capo» di questa nuova via dell’energia. «Il Corridoio meridionale del gas è costituito da segmenti – lo sviluppo di uno dei più grandi giacimenti di gas al mondo di Shah Deniz, la costruzione del nuovo sistema di gasdotti per collegare l’Azerbaigian e la Georgia, Sud gasdotto caucasico, gasdotto Trans-Anatolian, e gasdotto Trans Adriatic, che sarà costruito dal confine con la Turchia, attraverso l’Albania verso l’Italia», Ilham Aliyev, ha detto. Ha poi aggiunto che la Bulgaria è anche una parte della politica energetica dell’Azerbaijan e se si può guardare il formato trilaterale l’Azerbaigian-Georgia-Turchia, si è trasformato in un formato molto più grande. Il presidente ha osservato che i progetti menzionati sono difficili da un punto di vista tecnico, e richiedono un’ampio coordinamento e cooperazione. «Nei prossimi anni, sono sicuro che i paesi della regione dei Balcani si uniranno il nostro sistema di gasdotti. Tanto più che oggi in Europa le interconnessioni sono in costruzione, che noi pienamente, perché l’Azerbaijan ha un enorme riserva di gas, e le infrastrutture, sono in fase di costruzione», ha detto il presidente.
Egli ha ricordato che i progetti citati non sono l’unica parte della cooperazione dell’Azerbaijan con l’Europa. E proprio in vista della fornitura di gas da più fonti, si auspica che l’Europa non passi dalla dipendenza di gas da un paese ad un altro.
Il progetto Corridoio meridionale del gas prevede il trasporto del gas dalla regione del Caspio attraverso la Georgia e la Turchia in Europa. Questo grande progetto mira a diversificare le fonti e le rotte di approvvigionamento energetico che miglioreranno la sicurezza energetica dell’Europa. Il progetto Corridoio meridionale del gas dovrà garantire la fornitura di gas del Mar Caspio ai mercati europei per la prima volta nella storia. Nella fase iniziale, il gas da produrre come parte della seconda fase di sviluppo di condensato di gas azero campo Shah Deniz è considerato come fonte principale per il progetto Southern Gas corridoio. In una fase successiva, altri paesi possono aderire al progetto. Il gas da produrre nell’ambito della fase 2 dello sviluppo del campo saranno esportati in Turchia e ai mercati europei attraverso l’espansione del Caucaso meridionale Pipeline e la costruzione del Trans-Anatolian Gas Pipeline (TANAP) e il Trans-Adriatico Pipeline (TAP). Circa sei miliardi di metri cubi di volume totale di gas all’interno del progetto Shah Deniz-2 saranno consegnati in Turchia e 10 miliardi di metri cubi in Europa ogni anno.