AZERBAIJAN. Ancora tensione tra Baku e Teheran

0

Il presidente dell’Azerbaijan, Ilham Aliyev, al vertice dell’Organizzazione degli Stati turchi ha fatto un discorso che non sarà piaciuto molto ai vicini iraniani.

Il presidente dell’Azerbaijan parlando l’11 novembre, al IX vertice dell’Organizzazione degli Stati turchi a Samarcanda, ha ancora una volta ribadito che gli azeri che vivono fuori dai confini sono oppressi.

Nel suo discorso, Aliyev ha affermato che la maggior parte dei 40 milioni di azeri che vivono al di fuori dello stato azerbaigiano sono privati ​​dell’opportunità di studiare nella loro lingua madre.

«Credo che sia giunto il momento in cui è necessario tenere sotto costante attenzione all’interno dell’organizzazione temi come i diritti, la sicurezza, la tutela dell’identità nazionale dei connazionali che vivono al di fuori dei paesi membri dell’UTC affinché non siano soggetti ad assimilazione . Nei paesi in cui vive la generazione più giovane, le scuole dovrebbero poter insegnare nella propria lingua. Sfortunatamente, la maggior parte dei 40 milioni di azeri che vivono al di fuori dello stato azerbaigiano sono privati ​​di queste opportunità», ha detto Aliyev.

Dei 30 milioni di azerbaigiani che vivono all’estero 10 milioni vivono in Iran. Baku e Ankara, a loro volta, stanno attivamente promuovendo l’ideologia pan-turca tra la popolazione di lingua turca dell’Iran. Si sottolinea comunque che lo stesso Azerbaijan stia perseguendo una politica di assimilazione dei popoli autoctoni di Arran e Shirvan, vietando non solo la lingua, ma anche qualsiasi altra manifestazione di identità nazionale.

Tra i motivi di discordia tra i due paesi l’arresto in Iran di un giovane azerbaijano che secondo fonti di Baku, la polizia iraniana sta torturando; si tratterebbe di Shahriyar Jafari, che è stato detenuto a Tabriz durante le proteste.

Secondo fonti iraniane, le proteste a Tabriz, hanno visto attivisti e separatisti panturchi agire in modo aggressivo. E stando alle parole degli attivisti in Iran, Jafari è uno degli attivisti pro-Baku.

Lucia Giannini