AUSTRALIA. La Tasmania chiede scusa agli aborigeni

37

Due delle principali istituzioni culturali e storiche della Tasmania, regione insulare dell’Australia, presenteranno scuse formali agli indigeni assieme alla restituzione di incisioni rupestri vecchie di 14.000 anni al loro sito originale nel nord-ovest dello stato. Gli antichi petroglifi sono stati portati via da Preminghana negli anni ’60 e, dopo decenni di lotte e negati, dovrebbero essere restituiti all’inizio di marzo.

I petroglifi, riporta Abc, sono incisioni rupestri fatte incidendo la superficie della roccia con uno scalpello di pietra e un martello per esporre i diversi colori sottostanti. Il presidente dell’Aboriginal Land Council of Tasmania, Michael Mansell, sta lavorando con il Tasmanian Museum and Art Gallery e la Royal Society of Tasmania per la restituzione, e ha detto che le due organizzazioni avrebbero presentato le loro scuse il 15 febbraio.

La Royal Society è stata fondata nel 1843 per promuovere la conoscenza storica, scientifica e tecnologica ed è stata la prima società del genere ad esistere fuori dal Regno Unito. Mansell ha detto che è stato un «significativo passo avanti» avere istituzioni “bianche” che riconoscono gli errori del passato: «Il Tasmanian Museum and Art Gallery è il più grande museo della Tasmania e ha legami nazionali e internazionali, e la Royal Society ha storicamente avuto legami molto speciali con il museo attraverso lo scavo di resti umani aborigeni, scavando le tombe degli aborigeni, donandone al museo che, a sua volta, mostrava scheletri completi per il pubblico divertimento. Entrambe queste istituzioni attraverso le scuse stanno dicendo che è una storia orribile, non avremmo mai dovuto farlo (…) Stanno dicendo che il nostro atteggiamento verso gli aborigeni e la loro storia è stato vergognoso e come parte della società della Tasmania, vogliamo fare ammenda».

Il ministro degli Affari aborigeni Roger Jaensch ha detto il governo, pur non direttamente coinvolto, avrebbe aiutato se necessario: «Lodiamo i musei per aver riconosciuto l’impatto di quelle collezioni e i modi in cui quegli oggetti sono stati rimossi senza permesso e li lodiamo per le azioni che hanno intrapreso», ha detto.

Cerimonie pubbliche saranno tenute in entrambi i musei per segnare l’inizio del lungo viaggio verso casa per le incisioni, che dovrebbe avvenire nella prima o seconda settimana di marzo.

La Royal Society of Tasmania e il Tasmanian Museum and Art Gallery, Tmag, hanno detto in una dichiarazione congiunta che avrebbero offerto scuse congiunte agli aborigeni della Tasmania il 15 febbraio, in riconoscimento della storia condivisa delle due organizzazioni.

Tommaso Dal Passo