AUSTRALIA. La Barriera Corallina sbianca di nuovo

93

Secondo gli scienziati del governo australiano, oltre il 90% dei coralli della Grande Barriera Corallina studiati quest’anno si è sbiancato nel quarto evento di massa in sette anni nell’ecosistema della barriera corallina più grande del mondo.

Lo sbiancamento è causato dal riscaldamento globale, ma questo è il primo evento di sbiancamento della barriera corallina durante un modello climatico La Niña, associato a temperature più basse dell’Oceano Pacifico, ha dichiarato l’Autorità marina della Grande Barriera Corallina nel suo rapporto annuale, secondo cui il 91% delle aree esaminate è stato colpito, riporta AP.

Lo sbiancamento nel 2016, 2017 e 2020 ha danneggiato due terzi dei coralli della famosa barriera corallina al largo della costa orientale dell’Australia. Lo sbiancamento dei coralli è una risposta allo stress termico e gli scienziati sperano che la maggior parte dei coralli si riprenda dall’evento attuale, e le prime indicazioni fanno pensare che la mortalità non sarà molto alta: un evento simile a quello del 2020 quando, lo sbiancamento di massa ha avuto una bassa mortalità.

Gli eventi di sbiancamento del 2016 e del 2017 hanno portato a “livelli piuttosto elevati di mortalità dei coralli”; il rapporto dimostra che la sopravvivenza della barriera corallina dipende da una forte riduzione delle emissioni globali entro il decennio.

Lo scorso dicembre, il primo mese dell’estate dell’emisfero australe, è stato il più caldo mai registrato dalla barriera corallina dal 1900. Secondo il rapporto, alla fine di febbraio si è verificata una “ondata di calore marino”.

A marzo, una delegazione delle Nazioni Unite ha visitato la barriera corallina per valutare se il suo status di Patrimonio dell’Umanità debba essere declassato a causa delle devastazioni del cambiamento climatico. Nel luglio dello scorso anno, l’Australia ha raccolto un sostegno internazionale sufficiente a rinviare il tentativo dell’Unesco, l’organizzazione culturale delle Nazioni Unite, di declassare lo status di Patrimonio dell’Umanità della barriera corallina a “in pericolo” a causa dei danni provocati dal cambiamento climatico.

Ma la questione tornerà all’ordine del giorno del Comitato del Patrimonio Mondiale in occasione della prossima riunione annuale. La Grande Barriera Corallina rappresenta circa il 10% degli ecosistemi di barriera corallina del mondo ed è stata chiamata così per gli ampi pericoli che rappresentava per i navigatori del XVIII secolo. La rete di oltre 2.500 barriere coralline copre 348.000 chilometri quadrati (134.000 miglia quadrate).

Il corallo è composto da minuscoli animali chiamati polipi che si nutrono di alghe microscopiche che vivono all’interno della barriera e sono sensibili ai cambiamenti di temperatura dell’acqua. Le alghe forniscono alla barriera corallina il suo caleidoscopio di colori e producono zuccheri attraverso la fotosintesi che forniscono al corallo la maggior parte dei suoi nutrienti. L’aumento delle temperature oceaniche trasforma le sostanze chimiche prodotte dalle alghe in tossine. Il corallo diventa bianco e sputa le alghe velenose. Uno stress termico che si protrae per alcune settimane può portare il corallo a morire di fame.

L’ultimo sbiancamento è uno sgradevole promemoria delle differenze di visione sul cambiamento climatico tra i politici australiani. Il governo conservatore che si appresta a essere rieletto il 21 maggio ha obiettivi di riduzione delle emissioni meno ambiziosi di quelli promessi dall’opposizione di centro-sinistra.

Il Partito Liberale del Primo Ministro Scott Morrison mira a ridurre le emissioni australiane del 26-28% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2030. Il partito laburista all’opposizione ha promesso di ridurre le emissioni del 43% entro la fine del decennio.

Luigi Medici